11 set 10:30 Residenze
11 settembre 2017 - 17 settembre 2017
{Evento terminato}

DOVE TUTTO E’ STATO PRESO

Compagnia Bartolini Baronio - 369gradi

Dove tutto è stato preso gesso 094

In residenza dal 11 al 17 settembre

Bartolini Baronio
DOVE TUTTO E’ STATO PRESO
primo studio
progetto vincitore del bando CURA 2017

di e con Tamara Bartolini/Michele Baronio
drammaturgia Tamara Bartolini
scene e paesaggio sonoro Michele Baronio
collaborazione al progetto / assistente alla regia / foto Margherita Masè
suono Michele Boreggi
collaborazioni artistiche Fiora Blasi, Alessandra Cristiani, Raffaele Fiorella, Gianni Staropoli,
regia Tamara Bartolini/Michele Baronio

 produzione Bartolini/Baronio | 369gradi
coproduzione Teatri di Vetro festival/triangolo scaleno teatro
con il supporto di Residenza IDRA (Brescia) e Armunia Residenze Artistiche Castiglioncello
nell’ambito del progetto CURA 2017
residenze | Teatro Crest – Taranto | Dracma Teatro – Reggio Calabria |
Teatro del Lido di Ostia – Roma | Carrozzerie n.o.t – Roma
grazie agli allievi del laboratorio Biografie/Ritratti | Carrozzerie n.o.t per i loro ritratti scritti e fotografici

«Un germoglio di quercia è piantato dentro un vaso prezioso che dovrebbe
accogliere soltanto fiori delicati; le radici si espandono, il vaso si spezza»
J. W. Goethe

La cura dai veleni di Correzione di Thomas Bernhard, la sua e nostra correzione del mondo, si dispiega nella ricerca di un paesaggio teatrale, linguistico ed esistenziale che si muova a ritroso verso i suoi primi sensi, dove ripensare il venire al mondo dall’origine, dove trovare le parole della favola da consegnare a chi sarà bambino, al bambino che eravamo.

 Uno scenario di elementi minuti, quotidiani, personali ci invitano nel paesaggio interiore in cui la storia di ognuno s’intreccia alla storia collettiva: nel rifugio a cui tornare per fare mondo invocandone il futuro siamo di nuovo a casa.

Guidati dalle biografie di adulti e bambini incontrati nelle residenze e nei laboratori, dalle visioni di Clément, dai sensi amorosi di Zambrano, la tragica delicatezza di Bourgeois, il cosmo umano di Herzog, si apre il tempo del nostro costruire tra la Terra, la casa, il corpo e il teatro.

 Dove tutto è stato preso, una rosa gialla. Un giardino di cui prendersi cura.

Condividi con gli amici

In agenda

Da oggi 23 settembre 2017