09 mar 21:30 Restituzione/Prova Aperta
09 marzo 2018
{Evento terminato}

CANOE DI POPOLAZIONI PRIMITIVE

Sinisi/Santoro/Ianniello

sinisi santoro

Tutto come un’otturazione di ovidotti. Iniziamo così. Balut / calco di gesso degli amanti a Pompei. Il balut è un cibo tipico del Sud- est asiatico: un uovo di anatra o di gallina fecondato e bollito nel suo stesso guscio poco prima della schiusa. Eliminato l’involucro appare un embrione quasi già formato con il becco molle e le ossa non ancora sviluppate. Il calco di gesso degli amanti a Pompei. L’archeologo Giuseppe Fiorelli il 3 febbraio del 1863 ordina agli operai di colare gesso liquido in alcune cavità degli scavi dove sono visibili delle ossa. Il balut ed il calco non c’entrano niente o quasi con quello che succede.

Tanto, tranquilli, non succede niente.

Un uomo, una donna ed una luce accecante. La donna è tornata da un lungo viaggio, porta con sé un bambino nato da poco. L’uomo non è il padre ma vorrebbe acquisire una certa forma di paternità, vorrebbe incidere un nome. […]

Castello Pasquini/Sala del Camino
RESTITUZIONE/PROVA APERTA

VENERDÌ 9 MARZO – ORE 21.15

Sinisi/Santoro/Ianniello – CANOE DI POPOLAZIONI PRIMITIVE

scritto e diretto da Antonio Ianniello
con Michele Sinisi e Federica Santoro
produzione Gli Scarti, Kronoteatro Albenga

durata in fase di definizione

Michele Sinisi, attore e regista teatrale, fondatore di Teatro Minimo, segnalato come miglior attore under 30 nel 2000 e 2001 del Premio Ubu. E’ anche autore e interprete dei suoi spettacoli, tra i quali: Otello o la gelosia di Jago (1998), Ettore Carafa (2000), Li Mari Cunti (2001), Konfine (2002).

Federica Santoro regista, interprete, performer, basata a Roma. Collabora come attrice con registi e drammaturghi in ambito contemporaneo, tra cui Giorgio Barberio Corsetti, Lucia Calamaro, Societas RaffaelloSanzio, Alfonso Santagata e altri. Vince il Premio Ubu nel 2012 come miglior attrice non protagonista per L’origine del Mondo di Lucia Calamaro, con la quale collabora anche in Diario del tempo

Antonio Ianniello Nel 2002 si diploma come attore presso Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico di Roma Frequenta workshops tenuti da: Andrej Wirt, Nicolaj Karpov (European Drama School), Marco Martinelli, Emma Dante, Valerio Binasco, Susan Main (Linklater Center of Voice – NY), Francesco Manetti, Susan Batson (Black Nexxus – NY). E’ finalista al Premio Scenario 2009. Nel 2010 Finalista Premio Nuove Sensibilità, Finalista Premio Kantor, CRT di Milano, Finalista Premio Dante Cappelletti, Finalista Premio Riccione per il Teatro. Nel 2012 è stato invitato a partecipare al 4th Annual La MaMa International playwright retreat tenuto da Lynn Nottage. Nel 2013 mette in scena The book of living and dying di A. Ianniello, Tze Chien Chong, Nambi Kelly (commissionato dal Singapore Arts Festival) regia Tze Chien Chong con Antinio Ianniello, Nambi Kelly. Produzione: The finger Players, Teatri Sbagliati, Singapore Arts Festival

in residenza dal 6 al 10 marzo

Condividi con gli amici

In agenda

Da oggi 11 dicembre 2018