9 Novembre 2017

LE RESIDENZE ARTISTICHE SOSTENUTE DAL COMUNE TRA LE ECCELLENZE REGIONALI

Comunicato Stampa

COMUNICATO STAMPA

LE RESIDENZE ARTISTICHE SOSTENUTE DAL COMUNE TRA LE ECCELLENZE REGIONALI

Una realtà unica per la Toscana, una rete di produzione culturale e di crescita per il pubblico. Così si presentano le residenze artistiche sul territorio regionale: ventitré in tutto, diciotto singole e cinque multiple, animate da trentatré imprese teatrali che agiscono quotidianamente in cinquantasette spazi teatrali in convenzione con quarantatré diversi Comuni. Tra questi c’è anche il Comune di Rosignano, che da alcuni decenni supporta le residenze di artisti e compagnie di Armunia, uno dei tratti distintivi dell’associazione con sede a Castiglioncello. Il territorio di Rosignano figura quindi nell’elenco delle realtà toscane censite dalla Regione e presentate alla stampa il 7 novembre come eccellenze del sistema culturale toscano, veri e propri “avamposti culturali” (link alla notizia https://bit.ly/2jbPzg1). “Sono, nei numeri toscani, qualcosa in effetti che nelle altre regioni non esiste: un’eccellenza, ‘avamposti culturali in trincea’ di un lavoro che mette insieme qualità e prossimità. Ma sono anche una delle tante tessere capaci di garantire una diffusa accessibilità alla cultura, che è un po’ il fil rouge, trasversale, dell’azione portata avanti dall’assessorato dall’inizio della legislatura” ha affermato l’assessora alla cultura e vice presidente della giunta regionale toscana, Monica Barni.

Ce n’è infatti uno almeno in quasi tutte le province toscane. Un cantiere in continua evoluzione, vario al suo interno, mai autoreferenziale e capace di rimare collegato alle altre parti del sistema dello spettacolo: dai teatri pubblici e privati alle fondazioni regionali. Un mondo abitato da soggetti diversi per generi e discipline, capace di influenzare i territori ed esserne influenzato, con reti di progetto e un sistema aperto e inclusivo.

“Confermo il sostegno e la convinzione del Comune di Rosignano Marittimo al Progetto Residenze artistiche che Armunia da anni porta avanti sul nostro territorio – aggiunge il sindaco Alessandro Franchi – instaurando uno stretto rapporto tra artisti, operatori,  e studiosi con la comunità locale: in particolare con il mondo della scuola e dell’associazionismo. La volontà dell’Amministrazione è di continuare su questa strada, sviluppando e rafforzando l’impegno nei confronti delle attività artistico-culturali e in particolare delle arti sceniche”.

Sul territorio di Rosignano la residenze sono ormai un dato storico e fanno parte delle attività culturali di Armunia fino dalla nascita. L’associazione le ha organizzate e portate avanti anche quest’anno con trentacinque compagnie che hanno sviluppato progetto culturali e condiviso i frutti del loro lavoro con il pubblico del territorio. L’elenco con quelle in programma anche per il mese di novembre è presente sul sito di Armunia, link https://armunia.eu/residenze/. (Fonte: Regione Toscana, Toscana Notizie)

U.O. Supporto organi di governo
L’addetta stampa
Federica Lessi

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

Teatro_Solvay,_Rosignano

STAGIONE 2017/2018 AL TEATRO SOLVAY: UNO SGUARDO ATTENTO E LEGGERO SUI NOSTRI TEMPI

La nuova stagione del Teatro Solvay – frutto della collaborazione fra Comune di Rosignano Marittimo e Fondazione Toscana Spettacolo onlus, con il supporto tecnico della Fondazione Armunia – è un progetto che coniuga la vocazione del territorio al contemporaneo con la tradizione di un teatro classico.  È un programma costruito...

Ilaria Drago – Inequilibrio 22 – foto di Antonio Ficai

Ilaria Drago e la rivoluzione poetica di Simone Weil

“TRASFORMARE IL PENSIERO IN AZIONE” (Simone Weil) Dopo “Antigone” presentata nella scorsa edizione del Festival Inequilibrio, per la 22° edizione, Ilaria Drago porta in scena un’altra figura femminile che si impone nella nostra realtà, grazie alla sua grande sensibilità ed empatia, per risvegliare le nostre coscienze silenziose e addormentate....

festival sito10

INEQUILIBRIO XXI

La fragilità è il tema della XXI edizione 2018 di Inequilibrio, così come rappresentata nell’immagine disegnata da Guido Bartoli per il Festival.  Uova calpestate da una ragazza con le ali, forse nell’illusione di essere un angelo prima di spiccare il volo, con la consapevolezza, espressa dalla vignetta che rappresenta...