5 Novembre 2018

CROSSING THE SEA

Comunicato

CROSSING THE SEA

Armunia è nella cordata del progetto Crossing the Sea, vincitore del bando Mibact Boarding Pass Plus

Partner italiani: Marche Teatro, Fondazione Fabbrica Europa, Incontri Internazionali di Rovereto
Anghiari Dance Hub, Mosaico Danza Torino, Ass. Lis Lab performing arts Nebbiuno 

Partner stranieri: Maqamat (Libano), Attakalari Center for Movement Arts (India), T.H.E. Dance Company (Singapore), 
Seoul section of CID-UNESCO / SIDance (Corea), National Performing Arts Center (Taiwan), CCDC Hong Kong
Shangai Dramatic Arts Center (settori teatro e danza), Hong Kong Arts Festival (Cina)

Crossing the Sea vuole RILANCIARE IN UNA DIMENSIONE INTERNAZIONALE l’attuale grande fermento culturale di creazioni “site specific” e “human specific” rivolte a PUBBLICI DIVERSIFICATI IN UNA MESCOLA ORIGINALE DI STILI E DISCIPLINE, producendo una stratificata ricchezza di esperienze artistiche: l’incontro con l’area ASIATICA e MEDIO ORIENTALE è un’occasione per ricevere stimoli e approcci differenti dai modelli europei. Inoltre, un’occasione per rafforzare ed allargare relazioni internazionali per nuove progettualità condivise.

 

…. Presto le CALL! STAY TUNED

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

Raffaella Giordano – Inequilibrio 22 – foto di Antonio Ficai

Diario di #Inequilbrio22: la seconda settimana del festival

La 22° edizione del Festival Inequilibrio è giunta al termine e il lavoro di direttori, organizzatori, amministratori, tecnici e stagisti si è appena concluso. Il caratteristico Castello Pasquini di Castiglioncello, con i suoi interni esclusivi e il suo ampio e verdissimo parco, è stato lo scenario principale di questa...

Industria Indipendente e Annamaria Ajmone – foto di Antonio Ficai

AttiKa. Il nuovo progetto firmato Ajmone – Industria Indipendente

di Benedetta Pratelli “Il progetto si chiama Attika prendendo spunto dall’episodio della rivolta della prigione di “Attica”, diventato poi urlo di protesta durante la rivolta delle carceri nell’omonima città americana nel 1971. Ci interessava l’idea della sovversione come termine etimologico: modificare lo sguardo, la presenza dei corpi, dello spazio…...