20 Dicembre 2018

CITTA’ FUTURA

Comunicato stampa

CITTA’ FUTURA

Un progetto di Armunia in collaborazione con AgaveTeatro

A cura di: Elena De Carolis, Sara Fallani, Cristina Pancini, Alice Bescapè

Coordinamento: Elena De Carolis

 

Armunia in collaborazione con AgaveTeatro invita gli abitanti di Rosignano Solvay ad un nuovo appuntamento il 21 Dicembre con il progetto Città Futura, un progetto di arte pubblica il cui obiettivo è sempre stato quello di riportare gli abitanti al centro della città in cui vivono e, facendone i protagonisti, far sentire la loro voce attraverso i linguaggi artistici. Il progetto inizia nel gennaio 2016 con una serie di interviste realizzate al Centro Culturale Le Creste per capire come viene vissuta e percepita Rosignano Solvay dai suoi abitanti. Si decide di lavorare con i giovani del territorio e da questa iniziativa nasce la prima fase del progetto Città Futura: Parto per un viaggio nella mia città, il cui fine è quello di realizzare un ritratto di Rosignano Solvay vista con gli occhi dalle ragazze e i ragazzi che ogni giorno la vivono. Nel novembre 2017 viene realizzata una mostra al Castello Pasquini a Castiglioncello con tutti i materiali prodotti e raccolti fino al quel momento.

Ora lo sguardo si volge al futuro: com’è la Rosignano di domani? Quali sono i desideri dei suoi abitanti?

Abbiamo bisogno di sentirci parte di una comunità, di non sentirci soli, abbiamo bisogno di immaginare, di pensare al futuro, di non avere paura. Immaginare è un motore che molto spesso teniamo a freno, perché ci sembra stupido, infantile, a volte inutile. Ma è proprio concedendosi di essere fragili, vulnerabili, di essere sé stessi, che si generano relazioni e comunità più unite e forti in grado di mettere in atto e realizzare i propri desideri.

Quest’anno Città Futura ha fatto immaginare a un gruppo di adolescenti dell’IIS Mattei il mondo come lo vorrei e la città che vorrei, rimettendo in moto l’immaginazione ma anche prendendo delle scelte per capire veramente quali erano i desideri più profondi. Con i loro desideri verrà trasformato temporaneamente un luogo della città, il sottopasso de Le Creste, dando vita a un frammento della città sotterranea, un sogno collettivo, dove, come in un coro, nessuno è più importante degli altri, sono tutti unici e tutti fanno parte della città. Gli abitanti di Rosignano Solvay, che lamentano la mancanza di un centro e la presenza della ferrovia che taglia a metà la città, si ritroveranno nel sottopasso che ne unisce le due parti e che diventerà per qualche giorno il centro di Rosignano Solvay, ne diventerà il cuore.

Per fare questo è necessario raccogliere i desideri di più persone possibile e così il 21 dicembre proprio nel sottopasso delle Creste dalle 16.00 alle 19.00 tutti gli abitanti di Rosignano Solvay sono invitati a concedersi un attimo per immaginare e lasciare anonimamente i propri desideri.

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

prima settimana inequilibrio

Diario della prima settimana di Inequilibrio XXI al Castello Pasquini

di Francesca Montagni Punture di ragni radioattivi, tonsilliti e gambe rotte non sono riuscite a fermare la prima settimana de l festival Inequilibrio XXI, che ha scavalcato ogni ostacolo ed è partito con il botto. Questa prima settimana di eventi ha offerto un programma ricchissimo: una media giornaliera di...

Castello_Pasquini_senza_tenso_PL

LE RESIDENZE ARTISTICHE SOSTENUTE DAL COMUNE TRA LE ECCELLENZE REGIONALI

COMUNICATO STAMPA LE RESIDENZE ARTISTICHE SOSTENUTE DAL COMUNE TRA LE ECCELLENZE REGIONALI Una realtà unica per la Toscana, una rete di produzione culturale e di crescita per il pubblico. Così si presentano le residenze artistiche sul territorio regionale: ventitré in tutto, diciotto singole e cinque multiple, animate da trentatré...

Quotidiana.com – foto di Antonio Ficai

In dialogo con i Quotidiana.com per parlare di come nasce uno spettacolo

di Benedetta Pratelli Ieri pomeriggio abbiamo incontrato i Quotidiana.com, in residenza a Castello Pasquini per lavorare al nuovo spettacolo che presenteranno alla prossima Biennale, Il racconto delle cose mai accadute. Non potendoci però anticipare niente su questo lavoro, che dovrà per regola restare privato fino al debutto a Venezia,...