6 Giugno 2019

Il Teatro va in scena a Inequilibrio 22

Comunicato stampa

Torna a Castiglioncello il Festival INEQUILIBRIO giunto alla 22° edizione, propone opere di teatro, danza, musica e arte performativa.
Uno sguardo sul presente scandagliando le radici di una scena che esce dalla convenzione e invita il pubblico a vedere e soprattutto a immaginare.

Dodici giorni di spettacoli da godersi alle prime luci dell’alba sulla spiaggia, oppure immersi nei flutti insieme agli attori, o magari su un autobus che si muove sulla costa toscana. Ma anche comodamente seduti nella tensostruttura nel parco del Castello Pasquini, alla Limonaia o nell’anfiteatro del castello di Castiglioncello, la sede ufficiale del Festival Inequilibrio 22, imbandisce la sua ricca offerta tra teatro, danza, musica, conferenze spettacolo, letture in pineta, site specific e una mostra di fotografie di Marzio Emilio Villa, curata da Anna Monteverdi, dedicata al regista e interprete franco-canadese Robert Lepage. Partendo dalla riflessione che oggi la vera sovversione non è ribaltare e trasformare il presente o il passato, ma guardare ad essi per capire come andare avanti, Inequilibrio, a Castiglioncello dal 25 al 30 giugno e dal 2 al 7 luglio, dedicherà uno spazio nel festival ad alcune firme storiche della danza e del teatro italiano, generazioni di artisti che hanno segnato alcune tra le più significative tracce autoriali degli ultimi 30 anni. Iniziamo con una panoramica degli spettacoli di teatro: Inequilibrio rende omaggio a due Maestri della poesia e  della cultura.

Inaugura il Festival la poesia di Giuliano Scabia con la messa in scena popolare di Commedia della fine del mondotratto dall’ultimo libro del poeta Il lato oscuro di Nane Oca (Einaudi), messa in scena dalla Fantastica Compagnia Dilettantisco-amatoriale. Anche la poesia di Marcello Sambati sarà protagonista in un lavoro itinerante nelle stanze del Castello, mettendo al centro la voce e il corpo dell’attore, dal titolo Atlante dell’attore solitario. Capitolo Primo: La marionetta. Babilonia Teatro debutterà, sulla spiaggia del Cardellino, alle 7,30 con l’anteprima di Padre Nostro. Elena Guerrini, nel mare di Castiglioncello, presenterà Archeologia del coraggio: un’opera acquatica per spettatori e attrice in acqua, ad accompagnarla con musica live sarà il percussionista Papi Thiam (già collaboratore di Piero Pelù e della Bandabardò). L’inedita coppia Antonella Questa e Luca Scarlini racconteranno in una conferenza spettacolo La cena delle beffe da Sem Benelli, Roberto Abbiati con la supervisione registica di Claudio Morganti metterà in scena il primo studio di Circo Kafka da Il Processo di Kafka. Roberto Latini presenterà IN EXITU dall’omonimo romanzo di Giovanni Testori, una coproduzione Fortebraccio Teatro compagnia Lombardi Tiezzi. Milena Costanzo dirigerà Savino Paparella, Francesco Pennacchia e Rossana Gay ne I Miserabili (un’ironica atroce poesia), un primo studio da Victor Hugo. Per la prima volta in scena insieme Francesca Sarteanesi (Gli Omini) e Luisa Bosi (Murmuris Teatro) autrici e attrici di Bella bestia (Prima nazionale) produzione Officine della cultura. Gemma H Carbone/Riccardo Festa presenteranno la prima nazionale di TU ovvero chi è questa stronza? Drammaturgia di Attilio Scarpellini da Ennio Flaiano. Oscar de Summa porterà a Inequilibrio Soul Music dal lato opposto la storia della formazione di un gruppo di musica soul nella Puglia degli anni ‘90. I Proxima res proporranno Spin, un testo del drammaturgo Renato Gabrielli con Emiliano Masala, Massimiliano Speziani e Gaetano Cappa, una riflessione su come la narrazione del proprio fallimento può trasformarsi in formidabile arma di autopromozione. Dany e Ferdy, i protagonisti, sono due estrosi spin doctor, esperti di comunicazione politica. Eternamente complici e rivali, hanno contribuito alla rapida ascesa del movimento La Svolta. Pochi mesi dopo la sua elezione a sindaco, il leader del movimento finisce però in galera per una brutta storia di corruzione, lasciando i suoi preziosi comunicatori avviliti e disoccupati. Ma nell’universo di Spin chi sa manipolare la percezione dei fatti attraverso le parole non può rimanere disoccupato a lungo. L’inflazione d’immagini a cui siamo quotidianamente sottoposti ci fa spesso dimenticare il potere del linguaggio verbale – e sottovalutare la retorica del potere. Le viedelFool presenteranno YORICK Reloaded – Un Amleto dal sottosuolo, Elena De Carolis debutta con la prima nazionale di Medea- Live in Corinth e i giovani Eugenio Mastrandrea/Riccardo Ricobello porteranno al festival la prima nazionale de La contessa fra i sessi di Aldo Palazzeschi. Valerio Sirna/Elisa Pol debutteranno con la trilogia dei I giardini di Kensington. Valentina Bischi sarà a Inequilibrio con la prima nazionale de Il cartografo, testo del drammaturgo spagnolo Juan Mayorga. Due gli appuntamenti per Vicoquartomazzini con La guerra dei mondi (live set) e Vieni su Marte. La compagnia Ventriglia/Garbuggino presenterà Tre stanze – I Sovversivi. Il teatro dei Borgia sarà invece protagonista di Medea per strada, uno spettacolo su bus itinerante. Non mancherà la musica con i concerti jazz e i laboratori di Guido di Leone. Gli spettacoli e gli incontri si terranno a Castello Pasquini (tenso, anfiteatro, auditorium, limonaia, sale e parco) al teatro Solvay, alla spiaggia del Cardellino nella Pineta di Castiglioncello, in bus in un percorso andata e ritorno da Castiglioncello a Vada e in mare…

 

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti