28 Giugno 2020

Chi è la Svergognata di Antonella Questa?

Intervista di Elena Pancioli

antonella questaAntonella Questa con lo spettacolo Svergognata aprirà la prima parte del Festival Inequilibrio 2020. Quest’opera porta in scena tematiche che almeno per un periodo della vita hanno fatto parte di noi. Stiamo parlando dell’essere schiavi dell’immagine e dell’essere desiderati socialmente, tanto da dimenticarci chi siamo e cosa vogliamo da noi stessi. La Questa, con la sua peculiare e sempre presente chiave ironica, ci diverte e ci fa riflettere, presentandoci una serie di personaggi che non potremo fare a meno di amare, quali esseri umani. Forse ci vorremo «un pochino più bene». 

Chi è la “Svergognata”? E perché lo è?
Questa è una domanda che giro al pubblico: chi è la vera svergognata? E di che cosa si deve vergognare?
È uno spettacolo che ha le sue radici su Instagram, sul finire del 2011, dove stavo notando la volontà, nell’utilizzo del social da parte degli utenti, di essere guardati e approvati. Pensai che alla fine era così da sempre, nella vita di tutti i giorni, lo sguardo e il giudizio sono sempre stati fortemente presenti in questa società. In più con una protagonista femminile sarebbe risultato tutto più amplificato. E ci tengo a precisare che questo non è teatro al femminile (che non esiste, come non ne esiste uno al maschile), ma è teatro. Io nel mio tratto temi che rilevo dalla società; in questo caso prendo come protagonista una donna che apparentemente ha svolto i doveri che la società le richiede (sposata, con due figli, una donna di servizio, una casa) la quale sta per festeggiare i vent’anni di matrimonio. Poi scopre -e questo è il punto di partenza- una serie di messaggi da parte di donne “svergognate”. Nasce in lei la paura di perdere l’approvazione.
Molto spesso siamo così focalizzati nell’essere persone “per bene” che ci dimentichiamo di guardarci per capire se ci piacciamo e se stiamo facendo quello che vogliamo veramente. A questo non ci pensiamo, spesso nemmeno quando ci crollano questi “mondi” addosso.

antonella questaCosa aggiunge l’ironia a tematiche sensibili quali la schiavitù dell’immagine e la desiderabilità sociale?
L’ironia aggiunge una cosa fondamentale: sollevare il giudizio su noi stessi e sugli altri. La rincorro sempre nei miei spettacoli e anche nella vita. Se possiamo ironizzare ci vogliamo un pochino più bene. Siamo umani e nessuno è tutto bianco o tutto nero.
Ci sarà una vera “svergognata” che aiuterà la protagonista a riacquistare uno sguardo su sé stessa. Tutti ci rivediamo in entrambe.

Il tempo di sospensione dovuto alla pandemia come ha influenzato e influito nel tuo lavoro di Attricik?
Sicuramente ha influito a livello umano, personale. Prima mi definivo “attricik a chilometraggio illimitato”, mi spostavo sempre, oggi invece ho imparato che non tutto è una priorità, che una certa qualità della vita è irrinunciabile ossia quella di coltivare i rapporti umani.
Dal punto di vista professionale devo dire che mi ha aiutata molto; ho avuto uno spazio tutto per me in cui ho scritto, studiato, inventato dei format video su Instagram sia divertenti come #QUESTASIAMONOI che educativi come il caso della serie EmpatiZziamo.

Video promo dello spettacolo Svergognata

Sinossi dello spettacolo: pagina ufficiale

A cura di:
Elena Pancioli

STAMPA

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

Caroline Savì e Juha Marsalo – foto di Antonio Ficai

Corpi e forze in Sguillada di Caroline Savì e Juha Marsalo

Arrivano dalla Corsica, in Residenza Creativa ad Armunia nella sede di Rosignano Marittimo, loro sono Caroline Savì e Juha Marsalo e mettono le basi di Sguillada, il nuovo progetto della loro compagnia LaFlux. Sono attivi nella scena artistica contemporanea come Cie LaFlux dal 2009, il loro lavoro si nutre di “metafore coreografiche”. Per portare i corpi al confine dell’essere usano un lavoro  circolare che muove peso e forze come “acque”. Savì danzatrice e Marsalo coreografo, esplorano infatti la disponibilità del...

Davide Valrosso – foto di Antonio Ficai

L’esigenza della creazione: Love – Paradisi Artificiali di Davide Valrosso

“Faccio fatica ad esprimermi. Il linguaggio cui faccio riferimento non è quello delle parole. Danzando insieme potremmo capire molte più cose”. Ecco come Davide Valrosso, danzatore e coreografo, mi sorprende durante l’intervista tenutasi presso l’Auditorium Danesin ad Armunia. Un linguaggio, quello del corpo, che non rappresenta solo passione e...

Ivo Dimchev

Ivo Dimchev in scena ad Inequilibrio XXI

Ivo Dimchev, prolifico, camaleontico e singolare artista bulgaro, approda a Inequilibrio con due attesi appuntamenti: un concerto in cui con la sua singolare vocalità, propone canzoni scritte da lui e una performance che attraverso l’interazione con il pubblico, affronta tabù legati al sesso e al denaro. Originario della Bulgaria,...