ACCENDIAMO LE LUCI DEI TEATRI appello di U.N.I.T.A.

Armunia aderisce all’appello di U.N.I.T.A. (Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo) #facciamolucesulteatro in cui invita tutte le donne e gli uomini che dirigono i teatri italiani, da quelli più piccoli fino ai grandi Teatri Nazionali, a illuminare e tenere aperti i propri edifici la sera di lunedì 22 febbraio dalle 19.30 alle 21.30.

Armunia aprirà le porte del Teatro Sala Nardini a Rosignano M.mo (LI) e accenderà le luci.

Non possiamo far entrare e neppure invitare nessuno a venire, ma se CASUALMENTE vi trovate a passare dal teatro vedrete sul palco il coreografo e danzatore Giuseppe Muscarello e il musicista Pino Basile che, in residenza ad Armunia, stanno provando il loro nuovo lavoro.
Se volete lasciate un segno del vostro passaggio.

Ci manca il teatro, mancate voi.

Giuseppe-Muscarello-Inequilbrio-2020-foto-di-Antonio-Ficai

A cura di:
Redazione Armunia

STAMPA

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

Immagine 1

Il grottesco e lo squallido. Un’analisi empirica ed estetica

C’è un filo rosso che unisce molti lavori della programmazione di Inequilibrio 2021, ma più in generale l’arte teatrale (e non) dei nostri tempi. Mi riferisco alla polarità del “grottesco” e dello “squallido”. I due concetti sono simili, tanto che possono sovrapporsi a vicenda, ma c’è una differenza essenziale...

collage seconda settimana

La seconda settimana del Festival Inequilibrio XXI a Castiglioncello

di Francesca Montagni La seconda settimana di Inequilibrio XXI chiude i battenti, e non ha deluso le aspettative che si erano create dopo il suo inizio scoppiettante. Fonti certe riferiscono di applausi scroscianti uditi a più riprese echeggiare tra le stanze del Castello Pasquini, e di un’eccezionale affluenza di...

Enzo Cosimi – Inequilibrio 22 – foto di Antonio Ficai

Luce e tristezza: Glitter in my tears, la nuova visione di Enzo Cosimi

Enzo Cosimi ha portato in scena al Festival Inequilibrio 2019 “Glitter in my tears – Agamennone”.  Questo spettacolo non costituisce narrazioni, ma racconti astratti dove l’eroe, ormai sfaldato, rotto, si staglia in un paesaggio astratto e rarefatto in relazione a una esperienza percettiva di corpi. Visioni intime ed esistenziali...