fbpx

DOPPELGÄNGER torna a casa con un Premio UBU come miglior spettacolo di danza italiano del 2020 e 2021.

DOPPELGÄNGER di Michele Abbondanza, Antonella Bertoni, Maurizio Lupinelli con Francesco Mastrocinque e Filippo Porro, Premio UBU come miglior spettacolo di danza italiano 2021-22, arriva finalmente al Teatro Solvay, dove sarà in scema mercoledì 6 aprile alle 21. Lo spettacolo è frutto del progetto Laboratorio Permanente di indubbio valore artistico e sociale, di integrazione con persone diversamente abili. Il progetto ideato da Maurizio Lupinelli e sostenuto da quattordici anni da Armunia, ha avuto fin dal suo esordio, l’obiettivo preciso di creare un percorso culturale di inclusione sociale con persone che vivono esperienze di gravi patologie e di forte marginalità, residenti nel territorio di Rosignano, per offrire loro la possibilità di incontrare e condividere pratiche teatrali. Un’esperienza di integrazione che ha permesso loro di raggiungere anche risultati artistici di rilievo, riconosciuti a livello nazionale e internazionale, come nel caso di Francesco Mastrocinque che con lo spettacolo Doppelgänger Chi incontra il suo doppio muore ha vinto il premio Ubu, come miglior spettacolo di danza 2020-21. “Gli Attraversamenti”, che sono un ulteriore sviluppo del Progetto iniziale, mettono in connessione compagnie e artisti in residenza ad Armunia con i partecipanti al laboratorio permanente di Maurizio Lupinelli. Grazie a questo progetto infatti si è arrivati alla condivisione delle pratiche teatrali con la Compagnia Abbondanza Bertoni, che con Lupinelli ha ideato DOPPELGÄNGER uno spettacolo sul doppio, sulla dualità come differenza, sull’opposto che dà origine al mistero. Il lavoro parla e dà forma soprattutto all’incontro tra i corpi dei due interpreti, Francesco Mastrocinque, attore con disabilità, appartenente all’esperienza del Laboratorio Permanente di Nerval Teatro e Filippo Porro, danzatore professionista che arriva dalla scuola Paolo Grassi. Tutto è iniziato dall’idea di Maurizio Lupinelli, di cercare artisti che avessero voglia di confrontare la danza con la disabilità, esplorando territori comuni, si è arrivati così all’incontro con Michele Abbondanza e Antonella Bertoni straordinari interpreti e “intermittenti della disabilità” (come amano definirsi), con i quali intraprendere questo viaggio delicato, faticoso e meraviglioso, nella consapevolezza di lavorare con personaggi speciali. Fino alla scelta del danzatore, “il giusto arcangelo” che avrebbe dovuto lavorare con Francesco e all’alchimia che si è immediatamente creata tra i due, nel reciproco riconoscersi e fidarsi. “Un tentativo di svelare, tra sapiente ignoranza e disarmonica bellezza, il doppio viso della sfinge: due corpi diversi che cercano sulla scena l’origine della possibilità di esistere, una dirompente vitalità e un candore disarmante, attraverso l’astrazione della realtà che diventa visione.”

L’ingresso è gratuito è consigliata la prenotazione Info e biglietti www.armunia.eu  

A cura di:
Elisabetta Cosci

STAMPA

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

intervista ATTO DUE – Inequilibrio XXI – foto di Antonio Ficai

Attodue e Murmuris: rappresentare Lagarce tra parole e silenzi

Intervista di Francesca Montagni L’ultima settimana del festival Inequilibrio XXI ospita una messa in scena di Giusto la fine del mondo, una tappa della collaborazione di lungo corso tra le compagnie AttoDue e Murmuris. In una Sala del ricamo splendidamente allestita per lo spettacolo abbiamo fatto una chiacchierata con...

Compagnia Oyès

La Compagnia Oyès prepara il suo “Schianto” per il Festival Inequilibrio

Intervista di Daniele Laorenza A Castiglioncello, come ospiti nel loro periodo di residenza, la Compagnia Oyès ha lavorato al suo prossimo lavoro, Schianto, che avrà il suo debutto proprio durante le tre settimane del Festival Inequilibrio. Presenti in questi giorni di maggio il regista Stefano Cordella, con Francesca Gemma,...