Elio canta Enzo. Arriva al Solvay Ci vuole orecchio Elio recita e canta Enzo Jannacci

Sul palco del Teatro Solvay per la stagione organizzata dal Comune di Rosignano Marittimo con la Fondazione Toscana Spettacolo e la Fondazione Armunia, martedì 29 marzo alle 21,15 arriva Elio con CI VUOLE ORECCHIO, Elio canta e recita Enzo Jannacci. Nella coloratissima scenografia di Lorenza Gioberti, disegnata da Giorgio Gallione, Elio con cinque musicisti (Seby Burgio pianoforte, Martino Malacrida batteria, Pietro Martinelli basso e contrabbasso, Sophia Tomelleri sassofono, Giulio Tullio trombone) formano un’insolita e bizzarra carovana sonora. A loro il compito di accompagnare lo scoppiettante confronto tra due saltimbanchi della musica, alle prese con un repertorio umano e musicale sconfinato e irripetibile, arricchito da scritti e pensieri di compagni di strada, reali o ideali, di “schizzo” Jannacci. Da Beppe Viola a Cesare Zavattini, da Franco Loi a Michele Serra, da Umberto Eco a Fo o a Gadda. Enzo Jannacci, il poetastro come amava definirsi, è stato il cantautore più eccentrico e personale della storia della canzone italiana, in grado di intrecciare temi e stili apparentemente inconciliabili: allegria e tristezza, tragedia e farsa, gioia e malinconia. E ogni volta il suo sguardo, poetico e bizzarro, è riuscito a spiazzare, a stupire: popolare e anticonformista contemporaneamente. Jannacci è anche l’artista che meglio di chiunque altro ha saputo raccontare la Milano delle periferie degli anni ‘60 e ‘70, trasfigurandola in una sorta di teatro dell’assurdo realissimo e toccante, dove agiscono miriadi di personaggi picareschi e borderline, ai confini del surreale. “Roba minima”, diceva Jannacci: barboni, tossici, prostitute coi calzett de seda, ma anche cani coi capelli o telegrafisti dal cuore urgente. Un Buster Keaton della canzone, nato dalle parti di Lambrate, che in questo spettacolo viene rivisitato, reinterpretato e “ricantato” da Elio sulla drammaturgia e con la regia di Giorgio Gallione per uno spettacolo giocoso e profondo, perché “chi non ride non è una persona seria”. Enzo Jannacci, il poetastro come amava definirsi, è stato il cantautore più eccentrico e personale della storia della canzone italiana, in grado di intrecciare temi e stili apparentemente inconciliabili: allegria e tristezza, tragedia e farsa, gioia e malinconia. E ogni volta il suo sguardo, poetico e bizzarro, è riuscito a spiazzare, a stupire: popolare e anticonformista contemporaneamente. (elioelestorietese.it)

Elio sostiene: SOS MEDITERRANEE, un’organizzazione marittima umanitaria ed europea che, seguendo e applicando il diritto internazionale del mare e difendendo il diritto alla vita e al soccorso per chiunque si trovi in pericolo in mezzo al mare, dal 2016 realizza operazioni di ricerca e soccorso (SAR) nel Mediterraneo centrale. Le sue missioni sono Salvare vite umane, Proteggere i naufraghi portandoli in un luogo sicuro, e Testimoniare ciò che accade nel Mediterraneo. In sei anni di operazioni, prima con la nave Aquarius e poi con la Ocean Viking, ha portato in salvo 35.000 uomini, donne e bambini in fuga dall’inferno libico.

Si ricorda che la partecipazione è soggetta alle prescrizioni della normativa sanitaria vigente per il contenimento del contagio Covid 19, con obbligo di mascherina e Green Pass rafforzato.

Biglietti: primi posti intero € 15 / ridotto € 13 secondi posti intero € 12 / ridotto € 10

prevendita biglietti solo tramite circuito Ticketone (con aggiunta della commissione, se previsto)

Il giorno dello spettacolo presso il Teatro Solvay dalle ore 18

Riduzioni Biglietti: over 65 e possessori della ‘Carta dello spettatore FTS’. Carta Studente della Toscana € 8 (riservato agli studenti delle Università) Biglietto Futuro under 35 in collaborazione con Unicoop Firenze € 8.

Info Fondazione Armunia Castello Pasquini piazza della Vittoria, Castiglioncello (LI) tel 0586 754202 – 759021

armunia@armunia.eu

A cura di:
Elisabetta Cosci

STAMPA

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

Marcello Sambati – Foto di Daniele Laorenza

L’opinione degli artisti

MARCELLO SAMBATI: Il tema della mancanza è sorto durante il festival e non riguarda solo noi. Questa defezione assoluta degli osservatori critici è qualcosa di pesante che si nota più della presenza. Tutto ciò fa riflettere sulla funzione e disfunzione della critica. Naturalmente, le opere non hanno necessariamente bisogno...

compagnia teatrale Berardi Casolari

Intervista al duo Berardi Casolari in residenza al Castello Pasquini

Intervista di Daniele Laorenza Ancora un’altra Compagnia in residenza nel Castello di Castiglioncello: questa volta è stato il turno della Compagnia Berardi Casolari, composta dal duo Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari. Nella loro settimana come ospiti di Armunia, la coppia ha lavorato sulla futura rappresentazione che metteranno in scena...

Collettivo Cinetico – Inequilibrio 22 – foto di Antonio Ficai

Francesca Pennini di CollettivO CineticO racconta della distruzione della danza

CollettivO CineticO ha portato in scena al Festival Inequilibrio 22  “How to destroy your dance”. “Una sfida contro il tempo dai toni pulp e il gusto ludico.  Un manuale per il boicottaggio di ogni decoro coreografico tra accelerazioni impossibili e slow motion estremi. Un gioco al massacro senza risparmio dove...