Il teatro di Eduardo de Filippo con DITEGLI SEMPRE DI SI’ al Teatro Solvay di Rosignano

Uno dei primi testi scritti da Eduardo Ditegli sempre di sì sarà in scena al teatro Solvay di
Rosignano mercoledì 9 marzo alle 21,15, nell’ambito della stagione teatrale curata dal Comune di
Rosignano con la Fondazione Toscana Spettacolo e la Fondazione Armunia. Quest’opera vivace,
colorata il cui protagonista è un pazzo metodico con la mania della perfezione, è una commedia
molto divertente che, pur conservando le sue note farsesche, suggerisce serie riflessioni sul labile
confine tra salute e malattia mentale. In Ditegli sempre di sì la pazzia di Michele Murri è vera,
infatti è stato per un anno in manicomio e solo la fiducia di uno psichiatra ottimista gli ha
permesso di ritornare alla vita normale. Michele è un pazzo tranquillo, socievole, cortese,
all’apparenza l’uomo più normale del mondo, ma in verità la sua follia è più sottile perché consiste
essenzialmente nel confondere i suoi desideri con la realtà che lo circonda; eccede in
ragionevolezza, prende tutto alla lettera, ignora l’uso della metafora, puntualizza e spinge ogni
cosa all’estremo. Tornato a casa dalla sorella Teresa si trova a fare i conti con un mondo assai
diverso dagli schemi secondo i quali è stato rieducato in manicomio; tra equivoci e fraintendimenti
alla fine ci si chiede: chi è il vero pazzo? E qual è la realtà vera?
A vestire i panni di Michele Murri è Gianfelice Imparato, uno “straordinario attore dalla
consapevole ricchezza espressiva”come lo ha definito il critico Gianfranco Capitta. In scena
Carolina Rosi, Edoardo Sorgente, Massimo De Matteo, Federica Altamura, Andrea Cioffi, Nicola Di
Pinto, Paola Fulciniti, Viola Forestiero, Vincenzo D’Amato, Gianni Cannavacciuolo, Boris De Paola.
La regia è di Roberto Andò. Le scene e luci sono di Gianni Carluccio e i costumi di Francesca Livia
Sartori. Lo spettacolo è una produzione Elledieffe – La Compagnia di Teatro di Luca De Filippo /
Fondazione Teatro della Toscana
Si ricorda che la partecipazione è soggetta alle prescrizioni della normativa sanitaria vigente per il
contenimento del contagio Covid 19, con obbligo di mascherina e Green Pass rafforzato.
E’ possibile acquistare i biglietti per lo spettacolo tramite circuito Ticketone (con aggiunta della
commissione, se previsto) online o nei negozi Ticketone oppure il giorno dello spettacolo presso il
Teatro Solvay, a partire dalle ore 18. I prezzi dei biglietti sono per i primi posti intero € 15 / ridotto
€ 13. Secondi posti intero € 12 / ridotto € 10. Riduzioni: over 65 e possessori della 'Carta dello
spettatore FTS', Carta Studente della Toscana € 8 (riservato agli studenti delle Università), Biglietto
Futuro under 35 in collaborazione con Unicoop Firenze € 8
Info: Fondazione Armunia Castello Pasquini piazza della Vittoria, Castiglioncello (LI)
tel 0586 754202 – 759021 armunia@armunia.eu

A cura di:
Elisabetta Cosci

STAMPA

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

giselda ranieri

BLIND DATE 2.0 di Giselda Ranieri: un incontro al buio tra danza, musica e parole

La danzatrice Giselda Ranieri presenta, nella prima parte del Festival Inequilibrio 2020, la versione aggiornata del progetto sulla composizione istantanea che porta avanti dal 2008: Blind Date 2.0.  Cos’è Blind Date 2.0? E cos’è la Composizione istantanea? E’ l’upgrade dell’omonimo progetto site specific “BLIND DATE” che nasce come sintesi...

Roberto Latini – foto Benedetta Pratelli

Fortebraccio Teatro: pensare la scena attraverso Pirandello secondo Roberto Latini

Intervista di Benedetta Pratelli Fortebraccio Teatro porterà in scena a Inequilibrio XXI (giovedì 5 e venerdì 6 luglio) il nuovo spettacolo: Sei. E dunque, perché si fa meraviglia di noi? Abbiamo intervistato Roberto Latini che ci ha parlato della ricerca teatrale portata avanti dalla compagnia e della scelta di lavorare...

©ritafrongia

Nel Teatro vuoto. Un dialogo

Questo testo nasce dopo una settimana di residenza ad Armunia in cui Rita Frongia (drammaturga) e Azzurra D’Agostino (poetessa) si sono trovate nel gennaio 2021 per condividere un tempo di riflessione intorno alle questioni della scena, della poesia, dell’arte. Rita: Azzurra mi scrive una lettera dove racconta di un...