INCONTRI AL CASTELLO

Comune di Rosignano Marittimo Assessorato alla Cultura

In collaborazione con Fondazione Armunia 

INCONTRI AL CASTELLO 2020

A cura di GLORIA DE ANTONI

               LA LIMONAIA CAFFÈ, PARCO DEL CASTELLO PASQUINI Castiglioncello ORE 18:00

A Castiglioncello tornano anche gli Incontri al castello curati e condotti da Gloria De Antoni per l’Assessorato alla cultura del comune di Rosignano Marittimo, “Non  volevamo né potevamo rinunciare ai tradizionali e tanto attesi appuntamenti condotti da Gloria De Antoni che da anni caratterizzano l’estate di Castiglioncello- commenta Licia Montagnani, assessora alla cultura del Comune di Rosignano Marittimo- presentiamo quindi con grande gioia, un programma che, se pur ridotto per esigenze dovute alla situazione attuale, ha protagonisti importanti e ci farà incontrare e conoscere meglio i libri e gli autori più interessanti del momento. Appuntamento quindi nel salotto della Limonaia, nel Parco Pasquini, per condividere emozioni e saperi che vogliamo continuino ad essere la nota saliente dei nostri incontri culturali e il segno di una piccola parziale rinascita dall’isolamento in cui ci ha costretti il recente lockdown.” L’apertura spetta a Gianrico Carofiglio (giovedì 23 luglio ore 18) con il suo ultimo libro La misura del tempo edito da Einaudi. “Carofiglio ha accettato il nostro invito nonostante gli impegni post Premio Strega, per l’amicizia che ci lega -ricorda Gloria De Antoni-e che lo lega a Castiglioncello, luogo che spesso ha scelto per presentare i suoi libri. Con questo romanzo magistrale, già finalista dello Strega, Carofiglio ritorna a raccontare le storie che vedono protagonista l’avvocato Guido Guerrieri, ma entra ancora di più nei meccanismi del processo che s’intreccia con la storia che lo scrittore racconta”. La sua è una scrittura inesorabile e piena di compassione, in equilibrio fra il racconto giudiziario – distillato purissimo della vicenda umana – e le note dolenti del tempo che trascorre e si consuma. Lunedì 27 luglio sarà ospite della De Antoni una coppia che arriva dal mondo dello spettacolo, Paola Catella e Giobbe Covatta, che da tanti anni ha scelto di dedicarsi all’integrazione e all’apertura alle differenze, a partire dal volontariato in Amref di cui Giobbe è testimonial storico. Paola Catella filosofa, scrittrice sceneggiatrice e autrice televisiva e Giobbe Covatta comico e attore per il cinema, per la televisione e per il teatro, è anche autore di tanti libri di successo, molti dei quali scritti a quattro mani con la moglie, presenteranno la loro ultima fatica: Celestino (edizioni del gruppo Abele). “Un piccolo libro che è una favola civile -racconta ancora la De Antoni- ma questo incontro è anche il pretesto per il racconto della vita di due persone che hanno condiviso tanto” Giobbe, che firma anche la prefazione, scrive nel libro: «E allora ho pensato che ero orgoglioso che mia moglie avesse scritto una favola che racconta una brutta realtà in maniera divertente: non ci sono orchi, streghe, lupi o mostri di cui avere paura, ma solo persone stupide da prendere in giro per la loro ignoranza». Ridere dell’altrui ignoranza: ecco un buon consiglio! Il volume è pubblicato con il carattere ad alta leggibilità EasyReading® per agevolare la lettura delle persone con dislessia. Gli ultimi due appuntamenti saranno con due libri che raccontano entrambi storie di ricordi, racconti di vite, ma anche tanta storia del cinema, rispettivamente mercoledì 29 luglio con Francesca D’Aloja e il suo “Corpi speciali” (La Nave di Teseo) e venerdì 31 luglio con Marco Risi e il suo “Forte respiro rapido. La mia vita con Dino Risi” Mondadori. “Quando scrivi di qualcuno fallo come se dovessi vendicarlo”. Francesca d’Aloja lascia precedere il suo Corpi speciali da questa frase di Flaubert, ma in realtà attraverso le vite dei personaggi che descrive, l’autrice spesso mette a nudo se stessa facendo emergere la sua biografia. Una vita intensa, la sua: prima attrice (ha lavorato con Verdone, Ozpetek, Risi) poi regista, e dal 2007 scrittrice. In questo libro  si viene subito catturati dagli incontri veri con Laura Antonelli, Dino Risi, Vittorio Gassman, Franca Valeri nei quali emerge il volto umano svelato da chi li ha frequentati e conosciuti nell’intimità, ma appena si procede immergendosi nelle altre storie come quella del torero Josè Tomas o di Nadia Comaneci, è chiaro che il collante di tutte queste vite, è un lungo viaggio, un percorso di formazione che l’autrice ha compiuto e vuole donare a sua volta. Gli appuntamenti si concludono con Marco Risi e il suo bel romanzo famigliare “Forte respiro rapido. La mia vita con Dino Risi” la storia di un figlio e di un padre. Non siamo di fronte a un padre qualunque, e neanche a un figlio qualunque. Dino Risi è il regista che ha arricchito di storie, di emozioni, di immagini la cosiddetta “commedia all’italiana”. Marco Risi è il giovane che ha sfidato il padre sul suo stesso terreno e si è aperto una strada sua. E c’è inevitabilmente il grande cinema, le relazioni, le battute fulminanti, le amicizie, le conversazioni, Mastroianni, Fellini, e le donne. Dolente doppio del padre, si muove fra queste pagine un Vittorio Gassman inedito, sofferente e piegato su di sé. Ne esce una storia che sta fra l’epica (del cinema) e la commedia: si coglie presto come la vitalità del cinema fra gli anni Cinquanta e gli anni Sessanta dipendesse da un clima di intesa, di coesione, magari anche di conflitto, dove tutti erano però sullo stesso palcoscenico. E in mezzo a questo sciamare di personaggi, di episodi memorabili, in mezzo a un’Italia che non c’è più, ecco lo spirito guida: il rapporto padre-figlio, e il venir meno dei padri, il morire, l’assenza. L’ingresso è gratuito e per massimo 60 spettatori.  In ottemperanza alla normativa vigente per il contenimento e la gestione dell’emergenza Covid 19, la partecipazione alle presentazioni è organizzata nelle seguenti modalità: l’accesso sarà privilegiato tramite prenotazione. E’ necessario sanificarsi le mani prima di accedere all’area nella quale si svolgerà la presentazione con l’apposito gel messo a disposizione. E’ opportuno raggiungere il luogo della presentazione con congruo anticipo in modo da consentire l’espletamento delle necessarie procedure senza creare assembramenti. L’eventuale interazione tra gli ospiti e il pubblico deve garantire il rispetto delle raccomandazioni igienico-comportamentali e in particolare il distanziamento di almeno 2 metri. Tutti gli spettatori devono indossare la mascherina dall’ingresso fino al raggiungimento del posto e comunque ogni qualvolta ci si allontani dallo stesso, incluso il momento del deflusso. Non sarà possibile prevedere la presenza di pubblico in piedi e/o seduto se non nelle postazioni appositamente segnalate.

Info (dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00) U.O. Servizi Culturali Tel. 0586 724502 – 724530 www.comune.rosignano.livorno.it FB Servizi Culturali Rosignano Marittimo

Ufficio Stampa Elisabetta Cosci elisabettacosci.stampa@gmail.com mob 3395711927.

A cura di:
Redazione Armunia

STAMPA

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

Roberto Abbiati – foto di Daniele Laorenza

Roberto Abbiati in residenza ad Armunia, tra un laboratorio e uno spettacolo

Intervista di Daniele Laorenza Le due settimane di residenza di Roberto Abbiati, artista multiforme lombardo, (in compagnia di Lucia Baldini, fotografa e coautrice) sono state l’occasione per un suo laboratorio teatrale di tre giorni che ha coinvolto adulti, genitori e insegnanti per avvicinarsi e conoscere l’arte teatrale in modo...

Angela Fumarola e Fabio Masi – Armunia 2020

Diario di #Inequilibrio2020: cos’è un festival?

Cos’è un festival? Potremmo dire genericamente che un festival è una manifestazione artistica che si tiene periodicamente sempre nella stessa località per presentare al pubblico opere musicali, teatrali o di danza e che per la sua realizzazione lavora una un’equipe specializzata composta da direttori, organizzatori, tecnici e artisti. Tutto...