Le iniziative della settimana di Fondazione Armunia per la rassegna Diario 2023, a Rosignano Marittimo (Li)

COMUNICATO STAMPA

Le iniziative della settimana di Fondazione Armunia per la rassegna Diario 2023, a Rosignano Marittimo (Li)

Un laboratorio per tutti sul piacere di muoversi con la musica
e uno spettacolo per rileggere l’opera di Mario Lodi


Dal 1 al 3 marzo all’Auditorium Danesin il pluripremiato danzatore Paolo Girolami condurrà “Corpo e Groove” workshop gratuito per entrare in sintonia col ritmo

Domenica 5 marzo ore 16.00 al Teatro Nardini l’attore e regista Giorgio Scaramuzzino interpreta “Cipì”
il classico della letteratura per ragazzi in un lavoro per tutta la famiglia

Rosignano Marittimo (Li), 24 febbraio 2023 – Un laboratorio gratuito e aperto a tutti insieme al pluripremiato danzatore Paolo Girolami per scoprire il piacere del movimento e uno spettacolo per celebrare l’opera di Mario Lodi. È questo il programma della settimana a Rosignano Marittimo (Li) a cura di Fondazione Armunia, con la direzione di Angela Fumarola nell’ambito della stagione Diario 2023. Da mercoledì 1 a venerdì 3 marzo alle 18.00 nell’ambito dei laboratori G.I.O.I.A. – acronimo di Gruppo d’Interesse Operatori Insegnanti e Appassionati, percorso di formazione per vivere la scena come strumento di partecipazione, socializzazione e dialogo – all’Auditorium Danesin (via del Torrione 6) si terrà il workshop “Corpo e Groove”, rivolto a chiunque desideri esplorare la relazione tra gesti e musica. Si continua domenica 5 marzo alle 16.00 al Teatro Nardini (via dei Lavoratori 21°a) con “Cipì”, lavoro coprodotto da Teatro Evento e Zaches Teatro con protagonista Giorgio Scaramuzzino, già direttore artistico del Settore Teatro Ragazzi per il Teatro Nazionale di Genova. Per la regia di Luana Gramegna la storia del passero coraggioso in una nuova lettura che unisce narrazione, manipolazione, ombre e musica Le attività di Fondazione Armunia sono sostenute da Ministero della Cultura, Regione Toscana e Comune di Rosignano Marittimo (info: www.armunia.eu).

Riguardo al lavoro che intraprenderà con i partecipanti al laboratorio, Paolo Girolami spiega: “Con la mia coreografia, parlo, racconto la mia vita, le mie esperienze e i miei incontri; è come uno specchio della realtà nel quale mi immergo e rifletto sulla quotidianità. Sono interessato alla fisicità e alla musicalità del movimento. Prendo ispirazione dall’essenza del muoversi giornaliero e urbano dell’uomo, ma anche dalla qualità del movimento istintivo e selvaggio degli animali”. Ispirandosi ai felini, ai primati e agli uccelli si cercheranno le sintonie possibili tra armonia, animalità e dinamiche spaziali, portando il corpo verso direzioni e dinamiche inusuali.

A un anno dalla ricorrenza del centenario di Mario Lodi e dei 50 anni dall’uscita di “Cipì”, forse il libro più conosciuto e letto del maestro di Vho, Gramegna e Scaramuzzino firmano la reinterpretazione di un classico con un allestimento teatrale che farà affiorare temi e colori nascosti tra le pagine. Nell’approcciarsi all’opera di Lodi non si può non rimanere colpiti dal rapporto che il maestro aveva coi suoi alunni, e da come questa relazione sia alla base della creazione del romanzo di “Cipì” e non solo. “Se pensiamo a Lodi, infatti – dicono gli autori – non possiamo non pensare anche ai bambini che hanno affidato il loro immaginario alla guida di questo grande uomo. È attraverso la lente di questo rapporto speciale che ne abbiamo affrontato l’opera. Del resto Cipì e tutti gli altri passeri altri non sono che loro stessi, i bambini, che trasportano i loro “materiali” esperienziali nel mondo della fantasia e dell’immaginazione”.

Pablo Girolami, nato a Neuchâtel (Svizzera) ha origini Italo-spagnole. Studia presso la Tanz Akademie Zürich dove si diploma nel 2014. Nel 2014 comincia la sua carriera professionale come ballerino con l’Hessisches Staatsballett. Nel 2018 danza per Spellbound Contemporary Ballet. Attualmente è coreografo freelance e direttore artistico di IVONA. Fra il 2017 e il 2018 crea “I see you over there” per l’Hessisches Staatsballett e Mose3 in collaborazione con DeDa Production. Dal 2019 crea varie coreografie per compagnie e scuole come EgriBianco Danza, Kseij Dance company, The LabCollective, TanzWerk101 Zürich, ChoreoLab – Made in Ulm. Nel 2019 crea “Manbuhsa”, con il quale vince il Premio Twain_DirezioniAltre e il premio del pubblico sia al CortoinDanza di Cagliari che al 33. Certamen coreografico di Madrid. “Manbuhsa” viene inoltre selezionato per la vetrina della giovane danza d’autore Anticorpi XL 2019 e per la Redacielabierto. Nel 2020 viene scelto dal Network AnticorpiXL per l’azione ResidanceXL.

Zaches Teatro è una compagnia di teatro e danza fondata a Firenze nel 2007, costituita da professionisti di diversi ambiti dello spettacolo ognuno dei quali chiamato a dare il proprio specifico contributo in costante dialogo con gli altri. Per questo fin dall’inizio Zaches Teatro è interessata a indagare il connubio tra differenti linguaggi artistici: la danza contemporanea, i mezzi espressivi del teatro di figura, l’uso della maschera, la sperimentazione vocale, il rapporto tra il movimento e la musica originale/paesaggio sonoro, il linguaggio video e di animazione. Nel corso degli anni ha portato i propri spettacoli tra Europa, Russia e Asia ottenendo riconoscimenti e premi internazionali. Giorgio Scaramuzzino è attore, regista e autore di letteratura per l’infanzia. Dagli anni Settanta si occupa di animazione nella scuola e di formazione degli insegnanti sull’ educazione teatrale. È stato direttore artistico del Settore Teatro Ragazzi per il Teatro dell’Archivolto e poi per il Teatro Nazionale di Genova. È stato docente di Teatro d’animazione presso le facoltà di Scienze della formazione e il DAMS – Università di Genova. Collabora con molti autori tra cui Francesco Tullio Altan, Stefano Benni, Nicoletta Costa, Sergio Staino, Daniel Pennac e altri. Ha prestato la voce per gli audiolibri di Harry Potter.

 

CIPÌ
spettacolo tout public dai 5 anni
con Giorgio Scaramuzzino
e con Alessia Candido ed Eleonora Longobardi
drammaturgia Luana Gramegna e Giorgio Scaramuzzino
regia Luana Gramegna
scene, luci, costumi ombre e pupazzi Francesco Givone
paesaggio sonoro e musiche originali Stefano Ciardi
project manager Enrica Zampetti
co-produzione Teatro Evento e Zaches Teatro
con il sostegno di Mic, Regione Toscana e Regione Emilia Romagna
e il contributo di Fondazione cassa di Risparmio di Firenze e Giallo Mare Minimal Teatro
Con il patrocinio del Comitato per i festeggiamenti dei 100 anni Mario Lodi 1922-2022

Info e prenotazioni
www.armunia.eu
armunia@armunia.eu
uffici 0586.754202 – 759021
mobile 348.7297097 – 342.5649383

Prezzi
Stagione teatrale
10€ intero, 5€ ridotto
Teatro famiglie
5€ ingresso unico
Incontri-spettacolo
ingresso libero
Laboratori G.I.O.I.A.
ingresso libero con prenotazione obbligatoria

Ufficio stampa
Chiarello Puliti & Partners
Sara Chiarello +39 329 9864843
Francesca Corpaci +39 339 2439292
press@chiarellopulitipartners.com

 

A cura di:
Redazione Armunia

STAMPA

Potrebbero interessarti

antonella questa

Chi è la Svergognata di Antonella Questa?

Antonella Questa con lo spettacolo Svergognata aprirà la prima parte del Festival Inequilibrio 2020. Quest’opera porta in scena tematiche che almeno per un periodo della vita hanno fatto parte di noi. Stiamo parlando dell’essere schiavi dell’immagine e dell’essere desiderati socialmente, tanto da dimenticarci chi siamo e cosa vogliamo da...

Compagnia Oyes – La coscienza di Zeno – foto di Antonio Ficai

La coscienza di Zeno secondo gli Oyes

Al teatro Nardini di Rosignano la compagnia Oyes ha presentato la prova aperta della messa in scena teatrale de La coscienza di Zeno dal romanzo di Italo Svevo. La compagnia concentra da sempre la sua ricerca lungo un percorso che sviluppa drammaturgie originali, confrontandosi con i grandi autori classici e...