fbpx

Le lacrime amare di Petra von Kant al Teatro Solvay

Nell’ambito della stagione teatrale del Teatro Solvay, organizzata dal Comune di Rosignano Marittimo con la Fondazione Toscana Spettacolo in collaborazione con la Fondazione Armunia, Giovedì 17 febbraio, alle 21.15 arriva lo spettacolo LE LACRIME AMARE DI PETRA VON KANT di Rainer Werner Fassbinder, traduzione di Roberto Menin con la regia di Maurizio Lupinelli. In scena sei attrici: Barbara Caviglia, Aura Ghezzi, Miriam Russo, Elisa Pol, Laura Serena, Annamaria Troisi. Con Le lacrime amare di Petra von Kant e la sua profonda analisi dell’universo femminile, la compagnia Nerval Teatro e il regista Maurizio Lupinelli, intende esplorare il mondo poetico di R.W. Fassbinder mescolando il linguaggio del teatro e quello del cinema per sondare il limite tra realtà e finzione, attore e personaggio, sperimentazione e narrazione. Attraverso il testo teatrale di R. W. Fassbinder, da cui lo stesso regista trasse il celebre film con Hanna Schygulla, indaga il rapporto complesso e claustrofobico tra la stilista Petra Von Kant e la sua assistente Marlene. Con questo lavoro la compagnia Nerval Teatro ha avviato un percorso di esplorazione del mondo poetico dell’autore tedesco per approfondirne il linguaggio e l’incidenza sul contemporaneo. La scena suggerisce la percezione di uno spazio cinematografico, un set dove tutto è a vista, non esiste un fuori e le attrici con le loro diagonali, con i loro sguardi e silenzi tracciano una drammaturgia dello spazio e della psiche sotto l’occhio attento di Marlene. Marlene è il terzo occhio, che tiene costantemente i fili dei personaggi e della storia sotto una lente di ingrandimento, occhio anche inteso come se fosse una telecamera costantemente in movimento, in un adagio continuo. Lo spettacolo che è una coproduzione di Armunia Festival Inequilibrio con TPE Teatro Piemonte Europa e Nerval teatro, ha debuttato con grande successo di pubblico e di critica al festival Inequilibrio, nel giugno 2021, dopo una tournee nei teatri italiani torna nel teatro dove ha iniziato il suo percorso.

Si ricorda che la partecipazione è soggetta alle prescrizioni della normativa sanitaria vigente per il contenimento del contagio Covid 19, con obbligo di mascherina e Green Pass rafforzato.

Biglietti: primi posti intero € 15 / ridotto € 13 secondi posti intero € 12 / ridotto € 10

prevendita biglietti solo tramite circuito Ticketone (con aggiunta della commissione, se previsto)

Il giorno dello spettacolo presso il Teatro Solvay dalle ore 18

Riduzioni Biglietti: over 65 e possessori della ‘Carta dello spettatore FTS’. Carta Studente della Toscana € 8 (riservato agli studenti delle Università) Biglietto Futuro under 35 in collaborazione con Unicoop Firenze € 8.

Info Fondazione Armunia Castello Pasquini piazza della Vittoria, Castiglioncello (LI) tel 0586 754202 – 759021

armunia@armunia.eu

ufficio stampa elisabetta cosci elisabettacosci.stampa@gmail.com mob. + 39 339 5711927

 

A cura di:
Elisabetta Cosci

STAMPA

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

IMA di Sofia Nappi – Foto di Antonio Ficai -55

Komoco, primo incontro

Nureyev disse che ogni uomo dovrebbe danzare tutta la vita, non essere un danzatore, ma danzare. Quando le persone danzano, i dintorni si fanno più belli, figuriamoci quando si muove un danzatore che sembra stare al mondo come un filosofo muto! Il corpo del danzatore è più del corpo,...

latinipizzech

INCONTRI CON IL PUBBLICO

L’incontro con Alessio Pizzech del 10 aprile è stato posticipato alle ore 18 Roberto Latini regista interprete e drammaturgo di AMLETO + DIE FORTINBRASMASCHINE una riscrittura, della Compagnia Fortebraccio Teatro in scena Sabato 1 Aprile – Ore 21.15 al Teatro Solvay – Rosignano Solvay (LI) per la stagione di...

Bermudas – Armunia – foto di Antonio Ficai -1

Una coreografia è un atto potenzialmente politico!

Pensieri ai margini della residenza di Bermudas con sette danzatori della Seoul Institute of Arts, sotto la direzione gentile e punk di Michele Di Stefano. Un’opera ha il dovere di diffondere principi morali?   Sembra poca cosa la bellezza di fronte alla bontà? Se quel che conta è la...