PAROLE VOLANTI

Comunicato Stampa

A Castiglioncello arrivano Le parole volanti: tre incontri con creativi, filosofi, esperti di cultura digitale per riflettere su temi con i quali siamo obbligati a confrontarci quotidianamente.

“Viviamo un tempo che ha bisogno di essere letto in maniera diversa. Anche attraverso le pagine di chi sta provando a comprenderlo.” Così Paolo Iabichino, Chief Creative Officer, a proposito di Parole Volanti, la rassegna di dialoghi sulla contemporaneità che cura a Castiglioncello, organizzata dal Comune di Rosignano Marittimo (LI). Dal 16 al 24 agosto La limonaia di Castello Pasquini, ospiterà tre incontri con creativi, filosofi, esperti di cultura digitale e maestri del racconto contemporaneo, per riflettere su temi con i quali siamo obbligati a confrontarci ogni giorno. Il primo appuntamento prende spunto dal titolo dell’ultima pubblicazione dello stesso Iabichino:  Scripta volant. Un nuovo alfabeto per scrivere (e leggere) la pubblicità oggi. L’incontro in programma giovedì 16 agosto 2018 ore 18.00 alla Limonaia Caffè parco del Castello Pasquini di Castiglioncello, metterà a confronto un creativo (Paolo Iabichino) e un filosofo (Franco Bolelli) che duetteranno sulla pubblicità e non solo stimolando domande del tipo Televisione o Instagram? George Clooney o Chiara Ferragni? Odio, amore o indifferenza?. Chiunque abbia a che fare con la parola scritta sta attraversando una vera e propria mutazione genetica: la rivoluzione digitale ha scompaginato i palinsesti, sconfessato il marketing tradizionale e travolto i vecchi paradigmi dell’informazione, della pubblicità, della narrazione politica e d’impresa. E come se il nostro scrivere avesse perso la capacità di fissarsi, e una volta in rete le nostre parole smarrissero i propri riferimenti, volassero via, ormai prive di contesto, e si trasformassero in altro. Scrivere bene sembra non bastare più; oggi è fondamentale cambiare l’atteggiamento progettuale, e la grammatica dei social network può insegnarci una nuova sintassi. Con “Scripta volant” Paolo Iabichino ha creato un nuovo abbecedario della comunicazione, per imparare a scrivere una pubblicità migliore per tutti, a prescindere dai media che la ospitano. Lunedì 20 agosto sempre alle 18, Massimo Mantellini uno dei maggiori esperti di cultura digitale in Italia parlerà di Bassa risoluzione. Dentro alla vastità dell’offerta digitale, tutto ci è sembrato a portata di mano, dal titolo della sua ultima pubblicazione per Einaudi. Internet ha modificato radicalmente il nostro approccio con la profondità, con le informazioni, le relazioni sociali, i mercati e la cultura. Ascoltiamo musica in nuovi formati digitali, fotografiamo il mondo attraverso la piccola ottica dei nostri telefoni cellulari. Non leggiamo più i quotidiani, preferendo l’informazione casuale che rimbalza sui profili social dei nostri «amici». Ma abbiamo sposato le cucine Ikea e i graffiti di Banksy, nuovi manufatti a bassa risoluzione che riempiono oggi le nostre vite. “Internet non ci ha reso più stupidi, né più intelligenti.- sostiene Massimo Mantellini- Ci ha reso solo più superficiali. È un bene o un male?” In questa conversazione potremmo scoprirlo. Venerdì 24 agosto chiuderà la rassegna Andrea Fontana autore di un libro che sta diventando fondamentale per chi si occupa di informazione e comunicazione #iocredoallesirene. Come vivere (e bene!) in un mare di fake news edito da Hoepli Andrea Fontana a Castiglioncello  rifletterà e farà riflettere su Che fine ha fatto la verità? “Forse non è vero che viviamo dentro bolle di bugie che ci assomigliano,- scrive Fontana- e forse Omero aveva ragione. Una rara occasione per  imparare a navigare meglio nel confuso mondo del web, con un maestro del racconto contemporaneo. Con Andrea Fontana dialogherà  Silvia Romani professoressa di Mitologia, di Religioni antiche e di Antropologia del mondo classico all’Università Statale di Milano. Si occupa da sempre di mito e di teatro. In particolare lavora sulle storie delle donne e delle divinità dei confini. Ha scritto un libro dedicato ad Arianna (Il mito di Arianna, Einaudi 2015) e più di recente un saggio, con Tommaso Braccini, dedicato alla visione dell’Aldilà degli Antichi (Una passeggiata nell’Aldilà in compagnia degli antichi, Einaudi 2018). Fra le tante pubblicazioni, quest’anno ha pubblicato due volumi per il Corriere: “Arianna. Le insidie dell’amore” e “Afrodite. La primavera dell’Amore”, distribuiti in circa 15.000 copie. Ha scritto libri per ragazzi e ha curato per anni un blog di Mitologia, per Condé Nast. In caso di brutto tempo gli incontri si svolgeranno presso l’auditorium del castello Pasquini L’ingresso agli incontri è gratuito.

Ufficio Stampa Elisabetta Cosci tel. 0586 753707 elisabettacosci.stampa@gmail.com

Info U.O. Servizi Culturali 0586 724287 / 521 / 530 www.comune.rosignano.livorno.it

FB Servizi Culturali

A cura di:
Redazione Armunia

STAMPA

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

Sirna e Pol – I GIARDINI DI KENSINGTON

Intervista a Valerio Sirna e Elisa Pol in residenza ad Armunia

Intervista di Benedetta Pratelli Sabato 3 Febbraio la coppia artistica Sirna/Pol, in residenza a Castello Pasquini, ha presentato in una prova aperta parte dello spettacolo I giardini di Kensington, risultato di un progetto iniziato lo scorso anno e arrivato tra i finalisti del Premio Scenario 2017. In un piccolo...

Camilla Lopez

Tributo a Violeta Parra: un Cile lontano ma familiare del duo Arevalos-Lopez

Matteo Ramon Arevalos e Camilla Lopez ci trasportano in Cile attraverso le parole e le musiche di Violeta Parra, cantautrice, poetessa, pittrice cilena che con le sue canzoni cercava di riscattare la cultura popolare inscrivendosi nella cerchia di artisti della Nueva Cancion Cilena. Arevalos e Lopez nel concerto Tributo a...

Giovanna Velardi – Armunia – Foto di Daniele Laorenza

Giovanna Velardi: un dialogo ancora aperto tra la danza e il teatro

In residenza ad Armunia abbiamo incontrato Giovanna Velardi, ballerina, coreografa, insegnante e fondatrice della Compagnia Giovanna Velardi e i suoi collaboratori, che con questo nuovo progetto I broke the ice and saw the eclipse ci parlano dell’origine del lavoro e dello sviluppo del processo creativo, a più “mani”, ricercando...