fbpx

Per Atì

A pochi giorni dalla scomparsa di Micha van Hoecke anche Catherine Atì Pantigny, storica danzatrice dell’Ensemble, ha raggiunto prematuramente il maestro. Armunia ricorda la sua “Sublime intensa bellezza, un’anima leggera, lieve, con un corpo da eterna fanciulla che ha saputo incarnare tutte le geniali sfumature di Micha van Hoecke sul palcoscenico. Da oltre 40 anni al fianco del Maestro, prima alla scuola Mudra di Bejart a Bruxelles e poi scelta da van Hoecke per formare l’Ensemble, che Catherine ricordava sempre “Micha aveva partorito e allevato come un figlio, crescendolo nonostante le difficoltà, con tutte le sue forze, con grande generosità, esortandolo ad una sempre maggiore qualità, alla perenne ricerca del gesto dell’anima che è la danza” e Atì in tutti questi anni ha saputo tradurlo sulla scena, è stata lei con gli altri danzatori ad incarnare quello che lo stesso Micha chiamava “l’Esprit dell’Ensemble” di cui Atì era certamente la sua creatura più simbolica, quasi iconica. Che la terrà le sia lieve come lei ha saputo esserlo sul palco.” 

A cura di:
Elisabetta Cosci

STAMPA

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

image

Chomsky ospite a Castiglioncello

Chomsky ospite a Castiglioncello Il famoso linguista americano ospite de l’ottava edizione del convegno internazionale di fisica DICE2016, dedicato quest’anno al rapporto spazio tempo, materia e meccanica quantistica. 1 – Conferenza stampa con Noam Chomsky (13 settembre 2016)   2 – Introduzione convegno (14 settembre 2016)   3 – L’intervento del...

Industria Indipendente e Annamaria Ajmone – foto di Antonio Ficai

AttiKa. Il nuovo progetto firmato Ajmone – Industria Indipendente

di Benedetta Pratelli “Il progetto si chiama Attika prendendo spunto dall’episodio della rivolta della prigione di “Attica”, diventato poi urlo di protesta durante la rivolta delle carceri nell’omonima città americana nel 1971. Ci interessava l’idea della sovversione come termine etimologico: modificare lo sguardo, la presenza dei corpi, dello spazio…...

Foto 2 (Keaton)

L’eco del comico. Perché si ride quando non c’è da ridere?

“Tempi comici” è espressione dai molti sensi. Può indicare quell’insieme di giochi ritmici, di pause/sospensioni, di brusche accelerazioni e di gesti o parole sorprendenti che usiamo quando raccontiamo una barzelletta. Oppure, può essere un’allusione metafisica al fatto che i nostri tempi sono particolarmente ridicoli, se non all’apice del grottesco...