Progetto Attraversamenti: contaminazioni e inclusione attraverso la danza e il teatro

Gli studenti di Da.Re. Dance Research, ideato e diretto da Adriana Borriello, coreografa e pedagoga di respiro internazionale, saranno in residenza artistica ad Armunia dal 9 al 19 novembre e dal 14 novembre saranno coinvolti negli Attraversamenti il progetto ideato dall’attore e regista Maurizio Lupinelli che mette a confronto attori con disabilità del suo Laboratorio permanente con coreografi, danzatori e attori professionisti. “L’obiettivo del progetto Da.re- spiega Adriana Borriello- è quello di connettere il mondo della formazione professionale con quello della ricerca nelle arti performative contemporanee. Una connessione fondamentale per favorire un reciproco nutrimento e confronto e per il potenziale di stimoli e influenze che porta con sé”. Vista la risposta di natura artistica ma soprattutto umana, riservata al progetto Attraversamenti, è nato l’invito a includere anche Da.Re. Il laboratorio si svolgerà una settimana al mese per i prossimi mesi, Adriana Borriello, nel segmento mensile di novembre, si alternerà nella conduzione del laboratorio con Maurizio Lupinelli offrendo sia ai giovani danzatori che agli attori del laboratorio, una ulteriore fonte di arricchimento e di stimolo nella reciproca contaminazione. Il percorso del Laboratorio permanente è nato a Castello Pasquini di Castiglioncello, nel 2007, curato da Maurizio Lupinelli insieme ad Armunia e alla Coop Nuovo Futuro di Rosignano, negli anni è diventato una ricerca artistica, aperta a chi ha scelto di confrontarsi con le diversità, ponendo le sue radici nella lentezza e nel tempo che occorre alla creazione, consentendone la cura. Sono nati quindi, gli Attraversamenti, un’esperienza identitaria nata a Castiglioncello che ha trasformato il Laboratorio permanente in una fucina che nutre non solo gli attori e le attrici del laboratorio residenti in questo territorio, ma anche chi è invitato ad attraversare quest’esperienza. Juha Marsalo, Silvia Gribaudi Roberto Latini, Paola Bianchi, Sotterraneo, Sara Sguotti e gli studiosi Gerardo Guccini, Rossella Mazzaglia, Selina Bassini, Massimo Carosi, Silvia Rampelli, Marco Menini indicato come narratore del progetto, sono solo alcuni degli studiosi, artisti e curatori che si sono avvicinati a questa esperienza, offrendo sguardi diversi. Ricordiamo che il fortunato “Attraversamento” compiuto dalla compagnia internazionale Abbondanza Bertoni, ha portato Francesco Mastrocinque, attore del Laboratorio permanente, con sindrome di down e Filippo Porro, danzatore della compagnia, all’ambito traguardo del Premio Ubu come miglior spettacolo di danza dell’anno per lo spettacolo Doppelganger chi incontra il suo doppio muore, un lavoro che anche quest’anno sarà presente nei cartelloni di molti teatri di tutta Italia. Il valore dell’inclusione e della transdisciplinarietà dell’azione è stato più volte stigmatizzato in convegni e incontri nazionali, non ultimo quello che ha visto studiosi, docenti universitari e operatori nazionali confrontarsi ad aprile 2022, al teatro Nardini di Rosignano M.mo, in una tavola rotonda a conclusione dell’Attraversamento pensato per gli esordienti coreografi di Nuove traiettorie azione di Anticorpi XL a cui hanno partecipato anche gli studenti dell’ITI di Rosignano. Questi passaggi hanno reso gli Attraversamenti un’esperienza formativa autentica e unica nel panorama nazionale che dal 2023 più che mai, sarà aperta anche agli studenti delle scuole di teatro del territorio. Una modalità per penetrare con azioni concrete, anche se apparentemente invisibili, nel territorio e tra le persone del comune di Rosignano. Da questa natura è nata la costola ravennate del progetto che ha portato il Comune di Ravenna a riconoscere il laboratorio nato ad Armunia come esempio di buona pratica, tanto da chiedere a Nerval Teatro e a Maurizio Lupinelli di replicare l’esperienza con tre cooperative sociali del territorio, offrendo alla compagnia anche un teatro dove lavorare. Dalla risonanza, partita dall’intuizione di Angela Fumarola di espandere il percorso ai giovanissimi coreografi di Nuove Traiettorie del network Anticorpi XL, l’esperimento degli Attraversamenti è stato replicato anche a Ravenna, grazie alla collaborazione di Cantieri Danza con il network Anticorpi XL.

A cura di:
Elisabetta Cosci

STAMPA

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

Roberto Latini – Fortebraccio Teatro – foto di Antonio Ficai

Roberto Latini: la costruzione dell’immaginazione

Un teatro che si fa metafora nel senso più pieno del termine, una possibilità data allo spettatore di immaginare, più di quanto sia fatto dall’artista stesso. E’ il teatro di Roberto Latini, di Fortebraccio Teatro, che alla 22° edizione del Festival Inequilibrio ha messo in scena l’esito sofferente di...

MK – Inequilibrio 22 – foto di Antonio Ficai

Esistere e coesistere: MK porta al Festival Inequilibrio “Bermudas”

Bermudas di MK è un lavoro coreografico pensato per un numero variabile di interpreti (da tre a tredici), intercambiabili tra loro. È dunque un sistema di movimento basato su regole semplici e rigorose che producono un moto perpetuo, adottabile da ogni performer per esistere accanto agli altri e costruire...

Ilaria Drago – Inequilibrio 22 – foto di Antonio Ficai

Ilaria Drago e la rivoluzione poetica di Simone Weil

“TRASFORMARE IL PENSIERO IN AZIONE” (Simone Weil) Dopo “Antigone” presentata nella scorsa edizione del Festival Inequilibrio, per la 22° edizione, Ilaria Drago porta in scena un’altra figura femminile che si impone nella nostra realtà, grazie alla sua grande sensibilità ed empatia, per risvegliare le nostre coscienze silenziose e addormentate....