Il Progetto CURA 2021 torna con il nuovo bando per l’assegnazione di 5 residenze

In questo tempo, in cui la parola “cura” è tema ricorrente, Progetto CURA si unisce alle numerose voci che chiedono attenzione e aiuto concreto al comparto dello spettacolo dal vivo e lo fa con l’azione, sostenendo economicamente e offrendo una residenza quindicinale in teatro e un supporto tecnico alle nuove produzioni di compagnie italiane. Prendersi cura degli artisti e delle compagnie significa sostenere il futuro del panorama dello spettacolo dal vivo, contribuendo alla creazione di nuove produzioni artistiche e di nuovi titoli che verranno poi distribuiti nei maggiori festival, rassegne e circuiti nazionali. Il progetto CURA è dedicato a tutti quegli artisti che hanno bisogno di tempo e vogliono mettere cura nel proprio lavoro. Lo scopo è quindi duplice: da una parte sollecitare il lavoro degli artisti ad una accurata ricerca sia delle radici profonde che soggiacciono al loro atto creativo, sia degli elementi tecnici e costituivi del loro lavoro e dall’altro favorire un dialogo strutturato tra l’artista con i propri colleghi (artisti, critici, operatori) e con quell’ecosistema vivo e produttivo di relazioni che è il mondo teatrale. Potranno partecipare al bando le compagnie italiane che propongono un lavoro già parzialmente strutturato ma ancora in fase di sviluppo e che, di conseguenza, non abbia ancora debuttato nella sua forma definitiva e non preveda di debuttare prima del periodo di residenza. Quest’anno sale ulteriormente il numero di attraversamenti (uno in più rispetto all’edizione precedente) che consentiranno a cinque compagnie di sviluppare un nuovo progetto artistico.

Cinque saranno infatti le residenze che verranno assegnate a compagnie o artisti italiani, che durante questo periodo potranno lavorare in uno o più teatri del circuito dei partner del progetto guidati da IDRA Teatro di Brescia, che ne è capofila e che coordina il Centro di Residenza della Toscana – Armunia-CapoTrave/Kilowatt che diffonde le residenze tra Rosignano Marittimo (LI) e Sansepolcro (AR). Elsinor Centro di Produzione Teatrale/Teatro Cantiere Florida di Firenze, Periferie Artistiche – Centro di Residenza della Regione Lazio/Settimo Cielo nella capitale, R.A.M.I. Residenza Artistica Multidisciplinare ILINXARIUM a Inzago (MI), Soc. Coop. Stalker Teatro a Torino, Bologna Teatri di Vita e Teatro Akropolis di Genova a cui quest’anno si sono aggiunti Associazione Ideagorà/Prog. #PerformingLands di Busca (CN), C.Re.A.Re Campania (Centro di Residenza della Regione Campania)/Teatri Associati di Napoli e Cross Residence a Verbania (VB).

È possibile consultare il bando dal sito del progetto www.progettocura.it
Per partecipare è necessario compilare il form online caricando i materiali necessari indicati nel bando entro le ore 12.00 del 29 marzo 2021.
I vincitori saranno annunciati entro il 16 aprile 2021 dal sito ufficiale del progetto.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la segreteria c/o IDRA (030 291592 – 339 2968449).

15 febbraio 2021

A cura di:
Elisabetta Cosci

STAMPA

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

Ciro Masella intervista

“L’Ospite” dentro ognuno di noi: intervista a Ciro Masella e Aleksandros Memetaj

Intervista di Alessandro Leoncini Ciro Masella ed Aleksandros Memetaj presenteranno alla ventunesima edizione del Festival Inequilibrio il primo studio de L’ospite, un testo che porta la firma di Oscar De Summa. Durante il loro periodo di residenza artistica al Castello Pasquini ho avuto l’occasione di scambiare qualche parola con i due attori;...

Roberto Latini – Fortebraccio Teatro – foto di Antonio Ficai

Roberto Latini: la costruzione dell’immaginazione

Un teatro che si fa metafora nel senso più pieno del termine, una possibilità data allo spettatore di immaginare, più di quanto sia fatto dall’artista stesso. E’ il teatro di Roberto Latini, di Fortebraccio Teatro, che alla 22° edizione del Festival Inequilibrio ha messo in scena l’esito sofferente di...