fbpx

Roberto Latini, Antonella Questa, I Sacchi di Sabbia sono i protagonisti della giornata di mercoledì a Inequilibrio.

La giornata di mercoledì 30 giugno si apre alle 11 di mattina (con replica alle 17 e alle 19). Al Teatro Nardini di Rosignano Marittimo Roberto Latini porta in scena un omaggio al festival Inequilibrio: Venere e Adone. Siamo della stessa mancanza di cui son fatti i sogni. Partendo da Shakespeare, che dopo la chiusura dei teatri londinesi per la peste nel 1593, diede vita proprio all’omonimo poema. L’attore premio Ubu porta in scena un processo in divenire, una riflessione sul mito.Venere e Adone, da Shakespeare a Tiziano, Rubens, Canova, Carracci, Ovidio, attraversano il mito nell’arte, declinando forme e sostanze – è la dichiarazione dell’artista. In tutti, una sospensione, un respiro-fotogramma, solo, fermato, definito, come a impedire che il racconto si possa compiere nel finale che già sappiamo. È forse la speranza che si possa vincere il destino, dando all’Arte il compito di sfidare il tempo e trattenerlo”. Doppio appuntamento in Sala del Ricamo di Castello Pasquini, dove alle 16 e alle 21 T.H.E. Dance Company presenta Phenoumenon, una performance di realtà virtuale immersiva a 360°, la cui coreografia è firmata dal singaporiano Kuik Swee Boon. L’opera prende in esame il rapporto tra l’uomo e il fenomeno naturale che lo circonda, mettendo in discussione abitudini, cultura e sistemi che si nascondono sotto l’illusoria copertura di una prospera società moderna.

Un altro atteso ritorno quello di Antonella Questa, che alle 21 presenta al Teatro Solvay l’anteprima nazionale di Affari di Famiglia, condividendo questa volta il palco con la giovane attrice Francesca Innocenti. Partendo da una lunga ricerca condotta sul sistema delle aziende familiari e delle dinamiche che ne contraddistinguono il passaggio di consegna generazionale, l’artista arriva a riflettere sulle problematiche relazionali che vengono amplificate da tale sistema familiare e che allo stesso tempo ne sono la base. “Essendo da anni la Famiglia il mio campo di indagine preferito – dichiara Antonella Questa – per raccontare e capire la società in cui viviamo, portare in scena la riuscita felice di un passaggio generazionale inizialmente difficile, mi è sembrata un’ottima occasione per riflettere sulla difficoltà delle vecchie generazioni a lasciare il posto alle nuove e di quali possano essere le strade per superarle, non soltanto in ambito imprenditoriale”.

Chiude la serata di mercoledì 30 giugno lo spettacolo de I Sacchi di Sabbia, 7 contro Tebe, che prosegue l’ormai convalidata collaborazione con il regista Massimiliano Civica (Dialogo con gli Dei e Andromacale altre due opere realizzate insieme). Alle 21 e 30 presso l’Anfiteatro di Castello Pasquini la compagnia pisana, che vede in scena Gabriele Carli, Giulia Gallo, Giovanni Guerrieri, Enzo Iliano, presenta una riscrittura della tragedia eschilea, qui rinarrata attraverso le tecniche del comico.

Info e biglietti sul sito www.armunia.eu (I biglietti del Festival Inequilibrio possono essere acquistati SOLO ONLINE su: www.liveticket.it/armunia) telefono uffici 0586.754202

 

A cura di:
Elisabetta Cosci

STAMPA

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

Nerval Teatro laboratorio – foto di Antonio Ficai

Nerval Teatro e il Pinocchio in bilico tra perdita e rinascita

Si conclude il 7 febbraio il Laboratorio di Nerval Teatro con Maurizio Lupinelli ed Elisa Pol presso la Sala del Burrago al Teatro Solvay. Cinque giorni di ricerca e creazione in cui il lavoro si concentra sull’esplorazione della fisicità attraverso una serie di esercizi fisici, accompagnati da musica, in...

Industria Indipendente e Annamaria Ajmone – foto di Antonio Ficai

AttiKa. Il nuovo progetto firmato Ajmone – Industria Indipendente

di Benedetta Pratelli “Il progetto si chiama Attika prendendo spunto dall’episodio della rivolta della prigione di “Attica”, diventato poi urlo di protesta durante la rivolta delle carceri nell’omonima città americana nel 1971. Ci interessava l’idea della sovversione come termine etimologico: modificare lo sguardo, la presenza dei corpi, dello spazio…...

Giovanna Velardi – Armunia – Foto di Daniele Laorenza

Giovanna Velardi: un dialogo ancora aperto tra la danza e il teatro

In residenza ad Armunia abbiamo incontrato Giovanna Velardi, ballerina, coreografa, insegnante e fondatrice della Compagnia Giovanna Velardi e i suoi collaboratori, che con questo nuovo progetto I broke the ice and saw the eclipse ci parlano dell’origine del lavoro e dello sviluppo del processo creativo, a più “mani”, ricercando...