Sabina Guzzanti e Giorgio Tirabassi al Teatro Solvay con le verdi colline dell’Africa

Lunedì 19 dicembre, alle ore 21:15, al Teatro Solvay, nell’ambito della programmazione organizzata dal Comune di Rosignano Marittimo con la Fondazione Toscana Spettacolo con la collaborazione della Fondazione Armunia, vanno in scena Sabina Guzzanti e Giorgio Tirabassi con lo spettacolo LE VERDI COLLINE DELL’AFRICA, scritto e diretto da Sabina Guzzanti. Un tributo che la Guzzanti ha dedicato allo scrittore e drammaturgo austriaco Peter Handke, premio Nobel per la letteratura nel 2019 e alla sua opera Insulti al pubblico. Un testo provocatorio e dissacrante che non racconta deliberatamente nulla, infatti, non c’è una storia, né una scenografia e nemmeno i personaggi. L’unica cosa che rimane è il pubblico e l’energia vitale di una delle autrici più libere e creative nel panorama italiano che prenderà di mira le abitudini e il torpore intellettuale degli spettatori, ponendoli al centro di un gioco divertente e irriverente. Uno spettacolo, ma soprattutto un gioco, che ruota intorno ad un serissimo confronto sul teatro e con la sua essenza, attraverso un divertente conflitto tra i due protagonisti, entrambi interpreti di comprovata professionalità. Il bersaglio sono le abitudini e il torpore intellettuale degli spettatori. Fu una provocazione maestosa e insieme sommessa, fatta con una scrittura che incanta ed è ad altissima tensione analitica. Il testo di Handke si serve «di forme naturali di espressione quali l’insulto, l’autodiffamazione, la confessione, l’affermazione, la domanda, la giustificazione, la scusa, la profezia, il grido d’aiuto». Handke lavora sapientemente con le ripetizioni, i ritmi cadenzati, il montaggio di frasi fatte, per esibire la standardizzazione e l’arbitrarietà del linguaggio, ma anche una vitalità che in esso resiste. Sabina Guzzanti, che dello spettacolo è oltre che autrice, anche regista, ha scelto come partner da portare in scena per questo suo spettacolo Giorgio Tirabassi, attore cresciuto alla scuola teatrale di Gigi Proietti, protagonista al cinema di tanti film, dove ha lavorato con eccellenti registi del nostro cinema, Tirabassi è soprattutto noto al grande pubblico per la sua magistrale interpretazione nel ruolo del giudice Paolo Borsellino nella fiction omonima del 2004.

 

È possibile acquistare i biglietti per gli spettacoli tramite circuito Ticketone (con aggiunta della commissione, se previsto) online o nei negozi Ticketone oppure il giorno dello spettacolo presso il Teatro Solvay, a partire dalle ore 18.

I prezzi dei biglietti sono per i primi posti intero € 17 / ridotto € 15. Secondi posti intero € 14 /ridotto € 12. Riduzioni: over 65 e possessori della Carta dello spettatore FTS; Carta Studente della Toscana € 8 (riservato agli studenti delle Università possessori della carta Studente della Toscana), Biglietto Futuro under 35 in collaborazione con Unicoop Firenze € 8

Info: Fondazione Armunia Castello Pasquini piazza della Vittoria, Castiglioncello (LI)

tel 0586 754202 – 759021 armunia@armunia.eu

Ufficio stampa Elisabetta Cosci elisabettacosci.stampa@gmail.com mob. + 39 339 5711927

 

A cura di:
Elisabetta Cosci

STAMPA

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

pino basile

Pino Basile e Il loop della Murgia: un luogo antropologico e sonoro

Abbiamo intervistato Pino Basile musicista e performer, diplomato a Matera in Strumenti a Percussione, è impegnato da qualche anno nella ricerca e nello studio di strumenti della tradizione e cultura dell’Italia meridionale. Nella prima parte del Festival Inequilibrio 2020 ci racconterà il 6 luglio nel concerto Il loop della...

Roberto Abbiati – foto di Daniele Laorenza

Roberto Abbiati in residenza ad Armunia, tra un laboratorio e uno spettacolo

Intervista di Daniele Laorenza Le due settimane di residenza di Roberto Abbiati, artista multiforme lombardo, (in compagnia di Lucia Baldini, fotografa e coautrice) sono state l’occasione per un suo laboratorio teatrale di tre giorni che ha coinvolto adulti, genitori e insegnanti per avvicinarsi e conoscere l’arte teatrale in modo...