Sara Sguotti ad Armunia con lo spettacolo vincitore di Toscana Terra Accogliente

Domenica 27 novembre, alle ore 18.00, al Teatro Nardini di Rosignano Marittimo, Sara Sguotti conclude la sua residenza ad Armunia con la prova aperta di IT’S HARD TO BE HUMAN. La costruzione coreografica si svolge attraverso la realizzazione di tableau animati con personaggi e storie diverse dove umano, non umano, disumano e inanimato si alternano, in un continuo movimento. I corpi diversi, mutati, trasformati, vengono mostrati, messi in esposizione. Le tematiche sono reali,  contemporanee e trasposte in scena attraverso un lavoro del corpo che sfrutta vocaboli provenienti da linguaggi diversi che spaziano tra il circo, la danza, l’arte performativa e la parola, per poter ampliare lo spettro fisico delle possibilità attraverso questi linguaggi. La danza attraverserà le forme e le densità che un corpo può creare. La transizione è espressa anche da un lavoro sui costumi e sul make up. Entrambi divengono “prolungamenti” dell’uomo sino a raggiungere un’ibridazione futuristica, che trasforma l’uomo contemporaneo in una creatura futura o aliena. Il concept è di Sara Sguotti, collaborazione alla creazione e performance Julie Bergez, Jari Boldrini, Manuel Cascone, Spartaco Cortesi, Sara Sguotti. Collaborazione alla coreografia e alla drammaturgia Elena Giannotti. I testi sono di Manuel Cascone, Spartaco Cortesi, Sara Sguotti. Lo Spettacolo è vincitore di Toscana Terra Accogliente, il progetto di R.A.T. Residenze Artistiche Toscane, in collaborazione con Teatro Metastasio, Fondazione Toscana Spettacolo, Virgilio Sieni Danza, Fabbrica Europa, Residenze creative presso Spazio K, Cantieri Florida, Sosta Palmizi. Sara Sguotti ha iniziato il suo percorso artistico frequentando l’Accademia di Belle Arti di Frosinone. Dal 2012 collabora con la Compagnia Virgilio Sieni come danzatrice. Nel 2015 danza nella compagnia A.Lachky nel lavoro Side Effects. Nel 2016 inizia il suo percorso di assistente al movimento per gli spettacoli di circo contemporaneo del direttore Roberto Magro e prende parte al film Suspiria diretto da Luca Guadagnino firmando le coreografie con Damien Jalet. Nel 2017 collabora con Cristina Rizzo per la produzione VNSerenade e nel 2018 prende parte a Joie de vivre di Simona Bertozzi. Nel 2016 insieme a Nicola S. Cisternino crea il gruppo SA.NI. Il suo percorso come autrice inizia con S.Solo, vincitore del bando DNAppunti coreografici, debuttando poi con S.rituale nel 2018 a Romaeuropa Festival. Biglietto 3 euro acquistabile sul sito www.armunia.eu o alla biglietteria del Teatro Nardini da un’ora prima dello spettacolo.

Info www.armunia.eu

A cura di:
Elisabetta Cosci

STAMPA

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

Ilaria Drago – foto do Antonio Ficai

Ilaria Drago porta in scena Antigone per affrontare il concetto di migrazione

Intervista di Benedetta Pratelli Abbiamo intervistato Ilaria Drago e la sua compagnia per parlare di MIGRAZIONI_CAMBIARE LA FINE | SENZA CONFINI ANTIGONE NON MUORE  che debutterà il 19 giugno a InequilibrioXXI,  In residenza a Castiglioncello gli artisti hanno lavorato per tre settimane intorno alla struttura in ferro di Mikulàs Rachlìk,...

ph. Emanuele Meschini 9 (1)

étude CORPO SOLO, mettere in scena il movimento della solitudine

Claudia Caldarano da anni si occupa di coreografia e performing arts, si è diplomata attrice alla Paolo Grassi, ha studiato con Marina e Micha van Hoecke e ha frequentato la Biennale College Danza. Collabora con Virgilio Sieni come danzatrice anche solista e come assistente per l’Accademia sull’arte del gesto...

Angela Fumarola e Fabio Masi – Armunia 2020

Diario di #Inequilibrio2020: cos’è un festival?

Cos’è un festival? Potremmo dire genericamente che un festival è una manifestazione artistica che si tiene periodicamente sempre nella stessa località per presentare al pubblico opere musicali, teatrali o di danza e che per la sua realizzazione lavora una un’equipe specializzata composta da direttori, organizzatori, tecnici e artisti. Tutto...