STAGIONE MUSICALE AL TEATRO SOLVAY CON L’ISTITUTO MASCAGNI DAL 24 MARZO

Comunicato Stampa del 16/03/2017

Il Comune di Rosignano Marittimo dal 24 marzo avvia la nuova esperienza di una stagione concertistica in collaborazione con l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Pietro Mascagni” di Livorno: quattro concerti fino all’inizio dell’estate e una ripresa in autunno con la musica da camera, per un totale di circa quindici serate. La nuova sinergia, regolata da convezione e resa possibile dal supporto tecnico di Armunia e dalla disponibilità della Società Solvay, segna la volontà dell’Amministrazione di promuovere e sviluppare le arti sceniche al Teatro Solvay, di recente acquisito dalla società chimica, facendone un centro di riferimento per la cultura. “Siamo orgogliosi di portare sul territorio la grande tradizione musicale del “Mascagni” – afferma l’assessora alla cultura Licia Montagnani – i cittadini avranno l’opportunità di apprezzare la grande preparazione degli allievi e degli insegnanti, e di ascoltare un repertorio anche legato alla cultura musicale livornese, che da oggi possiamo offrirgli”. Grande soddisfazione anche da  parte di Stefano Guidi, direttore del conservatorio livornese. “È la prima volta che il Mascagni porta a Rosignano una proposta concertistica – dice – “si tratta di una proposta ricca e articolata, con formazioni anche di grande impatto. Il concerto di domenica 2 aprile, infatti, vede sul palcoscenico del Solvay il grande Ensemble di Fiati del Mascagni, di 45 elementi, impegnato nella First Suite for Military Band op. 28, n1 di Gustav Holst, e l’orchestra di oltre 60 strumentisti che è interprete, sotto la guida del maestro Lorenzo Sbaffi, della sinfonia dal Nuovo Mondo di Antonin Dvorak. E’ una programmazione di largo orizzonte, che spazia nei diversi generi: dal jazz alla sinfonica, dal musical alla cameristica. E contiamo di portare anche l’allestimento di un’opera. È un’iniziativa, che spero si consoliderà in una collaborazione duratura che ci impegna ma anche ci gratifica; perché crediamo che vada a completare l’offerta di cultura e spettacolo, cui il Comune di Rosignano, da sempre, dedica grande rilievo, impegno e risorse.”

Dunque venerdì 24 marzo alle ore 21 il Teatro Solvay ospita il primo concerto con l’Ensemble Jazz dell’Istituto “Mascagni” diretto da Mauro Grossi. La formazione è composta da una ventina di artisti e strumentisti, fiati, percussioni, voce, pianoforte, tutti giovani della classe di Jazz di Mauro Grossi, affiancati da alcuni allievi delle classi di sassofono e tromba, ed interpreta un Omaggio a Tadd Dameron (1917-1965) nel centenario della nascita. L’Ensemble Jazz propone infatti pagine di Dameron, con nuovi arrangiamenti, composti dagli studenti del Dipartimento Jazz nell’ambito di un progetto didattico in corso quest’anno. Il grande pianista, arrangiatore e compositore jazz, protagonista del bebop e dell’hard bop, ma anche dello swing, ha lasciato infatti un’impronta significativa nel genere, documentata da un’intensa attività discografica dalla fine degli anni ’40 fino alla morte. Grande arrangiatore per le più famose orchestre e formazioni jazz – Count Basie, Artie Shaw, Dizzy Gillespie e molti altri – è stato anche sensibile compositore. Tra i suoi brani più noti “If You Could See Me Now”, che fu uno dei primi successi della grande Sara Vaughan.

Il programma prosegue domenica 2 aprile ore 17 con il concerto dell’Orchestra del “Mascagni” diretta da Lorenzo Sbaffi, che esegue brani di Gounod, Holst e Dvorak.   

Per informazioni e prenotazioni:
Armunia (lunedì-venerdì ore 9,30 12,30 e 16-18, sabato ore 9,30 -12,30 telefono 0586 754202).
Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro (riduzioni per under 26, over 65, Gruppo Filarmonico Solvay, Schola Cantorum, Scuola Musicale Bacchelli, Università Popolare). 
Le prenotazioni terminano il giorno prima del concerto.
Apertura della biglietteria 1 ora prima del concerto. 

Info www.comune.rosignano.livorno.itwww.armunia.eu.

 

 

A cura di:
Redazione Armunia

STAMPA

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

Enzo Cosimi – Inequilibrio 22 – foto di Antonio Ficai

Luce e tristezza: Glitter in my tears, la nuova visione di Enzo Cosimi

Enzo Cosimi ha portato in scena al Festival Inequilibrio 2019 “Glitter in my tears – Agamennone”.  Questo spettacolo non costituisce narrazioni, ma racconti astratti dove l’eroe, ormai sfaldato, rotto, si staglia in un paesaggio astratto e rarefatto in relazione a una esperienza percettiva di corpi. Visioni intime ed esistenziali...

Almeno nevicasse – foto di Gabriele Acerboni – 13

Residenze creative: Francesca Sarteanesi e il suo “Almeno Nevicasse”

Francesca Sarteanesi attrice e artista, dopo lo spettacolo Bella Bestia in coppia con Luisa Bosi,  torna ad Armunia con un laboratorio intitolato Almeno Nevicasse, le parole che ci portiamo dentro. Un percorso creativo che Francesca affida alle parole di ciascuna persona, offrendogli la possibilità di dirle. Il laboratorio è...