fbpx

La Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi approda ad Armunia per un laboratorio di alta formazione per i suoi allievi

Fin dalla sua fondazione, nel 1951 a opera di Paolo Grassi e Giorgio Strehler, la Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano è un’eccellenza, un punto di riferimento formativo per il mondo teatrale nazionale e internazionale. Da alcuni anni la Civica, che inizialmente era collegata al Piccolo Teatro di Milano, e poi è entrata a far parte dal 2000, della Fondazione Scuole Civiche di Milano, di cui costituisce il Dipartimento di Teatro, ha iniziato a collaborare con Armunia, che ospita alcuni suoi corsi di alta formazione per gli allievi. In questi giorni e fino a sabato 27 marzo gli allievi post diploma del Corso Danzatore della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, coordinamento di Marinella Guatterini, saranno in residenza ad Armunia per seguire il laboratorio di Marco Valerio Amico, attore, coreografo e danzatore del gruppo nanou. Il laboratorio sarà incentrato su Alphabet: Metodo, un dialogo diretto con danzatori per la trasmissione e la verifica del processo di scrittura coreografica del gruppo nanou.

L’incontro ha per obiettivo l’esperimento, attraversando alcune istruzioni coreografiche, per attivare un sistema di improvvisazione che evidenzi i nodi di una possibile scrittura del corpo e della scena. La coreografia nasce perché genera e svela spazio. Il disegno dello spazio è lo strumento per evidenziare e chiarire l’attività coreografica. Il laboratorio, che si terrà al Teatro Nardini di Rosignano Marittimo (LI) è riservato solo agli allievi selezionati e non sarà aperto al pubblico. Marco Valerio Amico, è stato lui stesso allievo della Civica Scuola di Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano, dove si è diplomato nel maggio 2001, perfezionandosi poi come danzatore e coreografo con Monica Francia e Michele Di Stefano. Dal 2000 al 2003 è stato interprete nelle produzioni di Monica Francia e quindi nel 2005, nello spettacolo Real Madrid di MK, coreografie di Michele Di Stefano. Nel 2004 fonda, insieme a Rhuena Bracci e Roberto Rettura, la compagnia gruppo nanou, un luogo di incontro dei diversi linguaggi e sensibilità che caratterizzano la ricerca artistica dei suoi componenti. Le produzioni hanno attraversato piazze importanti quali: Fabbrica Europa (Italy), Santarcangelo Festival of The Arts (Italy); Teatro Comunale di Ferrara (Italy); Drodesera (Italy); Inequilibrio Festival (Italy) Les Brigittines (Belgium); Unidram (Germany); Nu Dance Fest (Slovensko), La MaMa ETC (USA). La compagnia ha vinto numerosi premi tra cui Giovani Danz’Autori 04/05, Moving_Movimento 2007, 4 cantieri per Fabbrica Europa 2008, Fondo per la danza d’autore Emilia-Romagna 2014 e 2016.

Per info tel. 0586 754202

A cura di:
Elisabetta Cosci

STAMPA

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

Nerval Teatro laboratorio – foto di Antonio Ficai

Nerval Teatro e il Pinocchio in bilico tra perdita e rinascita

Si conclude il 7 febbraio il Laboratorio di Nerval Teatro con Maurizio Lupinelli ed Elisa Pol presso la Sala del Burrago al Teatro Solvay. Cinque giorni di ricerca e creazione in cui il lavoro si concentra sull’esplorazione della fisicità attraverso una serie di esercizi fisici, accompagnati da musica, in...

Vico Quarto Mazzini – Armunia 2019 – Foto di Daniele Laorenza

Invidia, uguaglianza e libertà: il sentiero collettivo dei VicoQuartoMazzini

L’incontro con Michele Altamura e Gabriele Paolocà, della compagnia barese VicoQuartoMazzini, ha avuto luogo nella loro residenza artistica di Armunia a Rosignano Marittimo. Fruttuoso e fervido periodo di discussione artistica, esso rappresenta l’intima fase di creazione lontana da, ciò che definiscono, “il meccanismo della produzione”: è lo stacco, il...

Collettivo Cinetico – Inequilibrio 22 – foto di Antonio Ficai

Francesca Pennini di CollettivO CineticO racconta della distruzione della danza

CollettivO CineticO ha portato in scena al Festival Inequilibrio 22  “How to destroy your dance”. “Una sfida contro il tempo dai toni pulp e il gusto ludico.  Un manuale per il boicottaggio di ogni decoro coreografico tra accelerazioni impossibili e slow motion estremi. Un gioco al massacro senza risparmio dove...