Focus young mediterranean choreographers 2018

Le attività per il 2018 saranno dedicate a un approfondimento sull’area Mediterranea e del Medioriente con l’inclusione anche dell’Iran, paese nel quale coraggiosamente si pratica la danza anche se illegale. Le nostre ospitalità sono per creare occasioni di incontro con artisti italiani per arricchire il loro bagaglio di tecniche e pratiche del contemporaneo. Gli artisti che abbiamo scelto sono: Sina Saberi danzatore iraniano che ha sviluppato una ricerca personale che elude i divieti del suo paese ed apre orizzonti sul corpo, Mitra Alani coreografa marocchina che presenterà una coreografia di Jadd Tank performer libanese. Radouan Mriziga coreografo marocchino esploratore del mondo contemporaneo in bilico tra religione e rinnovamento. Ogni artista sente la necessità e l’urgenza di resistere attraverso l’arte agli impatti sociali, culturali e religiosi, questo ha rafforzato la vitalità espressiva aprendo chiaramente un confronto sulle impellenze sociali da condividere a livello internazionale.

 

Condividi con gli amici

Potrebbero interessarti

Enzo Cosimi – Inequilibrio 22 – foto di Antonio Ficai

Luce e tristezza: Glitter in my tears, la nuova visione di Enzo Cosimi

Enzo Cosimi ha portato in scena al Festival Inequilibrio 2019 “Glitter in my tears – Agamennone”.  Questo spettacolo non costituisce narrazioni, ma racconti astratti dove l’eroe, ormai sfaldato, rotto, si staglia in un paesaggio astratto e rarefatto in relazione a una esperienza percettiva di corpi. Visioni intime ed esistenziali...

Collettivo Cinetico – Inequilibrio 22 – foto di Antonio Ficai

Francesca Pennini di CollettivO CineticO racconta della distruzione della danza

CollettivO CineticO ha portato in scena al Festival Inequilibrio 22  “How to destroy your dance”. “Una sfida contro il tempo dai toni pulp e il gusto ludico.  Un manuale per il boicottaggio di ogni decoro coreografico tra accelerazioni impossibili e slow motion estremi. Un gioco al massacro senza risparmio dove...